11° sett.: “i Giovani e le risorse Primarie”

By on 9 febbraio 2007

Nei western di Sergio Leone, confronti di questo tipo verrebbero chiamati “duelli”. Nella politica sono detti “elezioni primarie”: due o più candidati a scannarsi, in un contesto di deserto circostante. E saloon, con cicchettini per i Giovani.

D’ora in poi, Giovani verrà scritto in maiuscolo per la sacralità con la quale i politici ne parlano sin dagli inizi del reality. Trattano l’argomento con guanti di velluto – carezzevolmente – probabilmente perché “fa figo” e per impelagare la verginità politica con i propri percorsi. Tant’è: giudicheremo dall’età media delle liste e delle giunte.
Le Primarie: altra “risorsa”. Uno strumento democratico utile quantomeno a capire le forze interne. E soprattutto a farla finita quando i leader in campo sono più di uno. Vabbè, c’è chi fa le primarie con sé stesso… ma questo è un altro discorso.
Ad oggi le primarie (o la primaria) potrebbero esserci solo nel centro sinistra. Chi lo avrebbe mai detto. Il 4 marzo le prime nominations di questo lungo reality.
A destra c’è un subbuglio tale che dovrebbero saltare fuori almeno due liste compiute, inconciliabili fra loro: prendete il M.llo Capuana, i cugini Tumminello (ma sì, forse anche i fratelli Allegra ), scontornateli dai loro partiti e aggiungete un po’ di Peppinello e il sindacato che si può accodare. Questa è una lista. Niente da spartire (al momento) con la destra del Grande Geometra Campo, che fa squadra intorno a sé e trova il consenso dei militanti dei partiti. Quindi ad oggi niente primarie.
Comunque sì, la famiglia Allegra ha tramato la propria trasmigrazione verso destra: una sterzata che manco “a curva a’ morti”. Ma la sinistra sicuramente non vorrà indossare i panni della “vedova Allegra”, senza nulla togliere alle stimabili signore arzille: si tenterà nuovamente l’operazione rimorchio, visto lo spessore politico della famigghia in termini di curriculum nei consensi. Il voto pesa; come disse l’eremita in digiuno eucaristico.

A proposito di Michele Spallino

7 Comments

  1. ophrys

    9 febbraio 2007 at 11:13

    …Giovani sono gli uomini e le donne di età compresa fra i 16 e i 30 anni (fonte Onu e varie)…..se qualcuno pensa che si diventa fighetti e trend inserendo nella squadra 3-4 giovani non ha capito niente; sarà Giovane la proposta politica che darà spazio alle idee di menti fresche, di uomini e donne competenti, di uomini e donne che vivono nella nostra società, che vivono i nostri luoghi (supra u ponti, a chiazza’nnintra, a chiazzetta, catagiddebbi) e che rincorrono i nostri saperi…sarà Giovane la proposta che segnerà una discontinuità delle facce, sarà Giovane la proposta di chi indicherà una Visione e non parlerà del passato o solo del passato.
    Una Classe Dirigente è tale quando è capace di dare risposte concrete ad un popolo che sogna; io ho sognato una Nuova Classe Dirigente, non svegliatemi…

    Mi sapiti addìri chi fini fici a mani cù ?nanticchia di turreni e a chiantima du basilicò???? Ci piscavi u? iatti e a chiantima siccò??????
    L?ultima volta pubblica, era il 17 dicembre, Peppinello presiedeva l?assemblea che ha ratificato nome e simbolo?

  2. Michele Spallino

    9 febbraio 2007 at 11:21

    Proprio tu che sei “del ramo”… Vabbè ti spiego io cosa è successo al basilicò. La mano mica poteva rimanere così tutto il tempo, a reggere la piantina, con il terriccio umido nel palmo o fingendo “qualcosa di nuovo”: qualcuno disse “questa situazione mi sta seccando!” e hanno saggiamente deciso di piantarla

  3. ophrys

    9 febbraio 2007 at 13:35

    …io “del ramo”??…sono un umile studioso della scienza dai facili costumi, la bo”t”tanica…un pò come la politica del resto è la scienza dalle facili appartenenze, per alcuni…

  4. golaprofonda

    9 febbraio 2007 at 20:42

    stasera incontro fra alleanza nazionale,udc,forza italia,i riformisti con i fratelli allegra per chiudere sulla candidatura del geometra campo e iniziare a discutere su giunta e consiglio comunale.

  5. dorideni

    9 febbraio 2007 at 23:09

    Nei film di Sergio Leone i giovani venivano uccisi prima di diventare Giovani.
    Nel paese di Castelbondo i Giovani vengono prima fagocitati come bocconi teneri, poi evacuati e depositati ai banconi dei tanti saloon del paese.
    Il Rondò de ?La polonnaise? di Chopin li salverà se solo avessero modo di ascoltarlo.
    Già Chopin, lo metterei nel mio programma da sindaco per Castelbondo!

  6. giucas

    10 febbraio 2007 at 01:40

    Scr. in Formiano xv K. Apr. a. 705 (49).
    CICERO IMP. S. D. CAESARI IMP.

    Vt legi tuas litteras quas a Furnio nostro acceperam quibus mecum agebas ut ad urbem essem, te velle uti ‘consilio et dignitate mea’ minus sum admiratus; de ‘gratia’ et de ‘ope’, quid significares mecum ipse quaerebam, spe tamen deducebar ad eam cogitationem ut te pro tua admirabili ac singulari sapientia de otio, de pace, de concordia civium agi velle arbitrarer, et ad eam rationem existimabam satis aptam esse et naturam et personam meam.

    [2] quod si ita est et si qua de Pompeio nostro tuendo et tibi ac rei publicae reconciliando cura te attingit, magis idoneum quam ego sum ad eam causam profecto reperies neminem qui et illi semper et senatui cum primum potui pacis auctor fui nec sumptis armis belli ullam partem attigi iudicavique eo bello te violari contra cuius honorem populi Romani beneficio concessum inimici atque invidi niterentur. sed ut eo tempore non modo ipse fautor dignitatis tuae fui verum etiam ceteris auctor ad te adiuvandum, sic me nunc Pompei dignitas vehementer movet. aliquot enim sunt anni cum vos duo delegi quos praecipue colerem et quibus essem, sicut sum, amicissimus.

    [3] quam ob rem a te peto vel potius omnibus te precibus oro et obtestor ut in tuis maximis curis aliquid impertias temporis huic quoque cogitationi ut tuo beneficio bonus vir, gratus, pius denique esse in maximi benefici memoria possim. quae si tantum ad me ipsum pertinerent, sperarem me a te tamen impetraturum, sed, ut arbitror, et ad tuam fidem et ad rem publicam pertinet me et pacis et utriusque vestrum . . . et ad civium concordiam per te quam accommodatissimum conservari. ego cum antea tibi de Lentulo gratias egissem, cum ei saluti qui mihi fuerat fuisses, tamen lectis eius litteris quas ad me gratissimo animo de tua liberalitate beneficioque misit, eandem me salutem a te accepisse quam ille. in quem si me intellegis esse gratum, cura, obsecro, ut etiam in Pompeium esse possim.

    (IX,IIA) Scritta nel Formiano il 19 o il 20 marzo del 49

    CICERONE GENERALE VITTORIOSO A CESARE GENERALE VITTORIOSO

    (1) Quando ho scorto la tua lettera recapitatami dal nostro amico Furnio, nella quale tu avanzi la

    richiesta del mio rientro a Roma, ho provato stupore, però in forma ridotta, per il tuo desiderio di giovarti ?dei miei consigli e del mio alto prestigio?, ma piuttosto mi sono domandato cosa intendi dire con le espressioni? la mia influenza e il mio appoggio?. Tuttavia sono stato indotto dalla speranza a riflettere sì da formarmi l?idea che tu, in virtù della tua meravigliosa ed eccezionale saggezza, vuoi che si stabiliscano le condizioni per assicurare la tranquillità, la pace, la concordia dei cittadini, programma questo , alla realizzazione del quale secondo il mio convincimento, possono utilmente concorrere non soltanto la mia disposizione naturale, ma anche la mia personalità morale. (2) se le cose stanno realmente così e se ti sfiora la mente il pensiero di vegliare sulla sorte del nostro Pompeo nell?intento di riconciliarlo con te e con lo Stato repubblicano, senza dubbio non troverai nessuno più adatto di me a perseguire quel fine, in quanto mi sono reso promotore di pace, come, rispetto a lui sempre, così, nei confronti del Senato non appena ne ho avuto la possibilità e, quando è divampata la lotta armata, non mi sono immischiato affatto nelle operazioni belliche. In proposito il mio giudizio netto è stato che da siffatta guerra eri tu ad essere maltrattato, perché nemici personali e politi rosi dall?invidia concentravano i loro sforzi contro la testimonianza di stima resa a te per la distinzione concessa dal popolo romano. Però, come allora non mi limitai ad assumere la difesa del tuo prestigio, ma esercitai anche una funzione di stimolo sugli altri per garantire un aiuto, così ora il prestigio di Pompeo mi tocca vivamente l?animo. Di fatto son già alcuni anni che io ho scelto voi due per circondarvi delle mie particolari premure e per esservi amico al cento per cento, come in realtà sono.

    (3) Perciò ti chiedo o, più esattamente, ti prego e ti scongiuro quanto più posso che tu, pur fra le tue gravosissime competenze, riesca a dedicare un po? di tempo anche ad una riflessione orientata nel senso che io, grazie a te, arrivi a palesarmi come uomo probo, riconoscente, insomma, devoto nella memoria che serbo di un immenso beneficio. Se questo intervento riguardasse unicamente me stesso, spererei, tuttavia, di poterlo ottenere da te; per, a mio parere, coinvolge non soltanto il tuo senso di lealtà, ma anche gli interessi dello Stato repubblicano il fatto che rimanga sulla breccia io che sono amico sia della pace, sia dell?uno e l?altro di voi due, e, grazie a te, il più idoneo a ristabilire la concordia tra voi e tra i cittadini.

    In una precedente occasione ti ho espresso i miei ringraziamenti riguardo a Lentulo, in quanto che hai assicurato la salvezza a colui che prima l?aveva procurata a me; ora, però, dopo aver letto la lettera che egli mi ha inviato con i sensi della sua immensa gratitudine per la tua generosità e bontà,? la perfetta identità della salvezza accordata da te a me rispetto a quella che hai offerto a lui. Se non ti sfugge che sono riconoscente per Lentulo, adoperati, te ne prego, affinché io possa esserlo anche per Pompeo.

  7. Impolitico

    10 febbraio 2007 at 10:27

    Beh, riprendo un gioco linguistico che ha avuto un pò di fortuna su questo blog. Avevamo sostituito la frase ridondate “per il bene del paese” con la più fresca e simpatica “ciao bambina”!
    Vediamo se ci riusciamo anche per “Giovani”. Io Propongo: “Carni di Puorcu”..tanto lo sappiamo come va a finire!

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi