14° sett.:”Gira, furria… e vota!”

By on 7 marzo 2007

Diciamoci la verità: c’è un gran casino. Suvvia, passatemi il termine un po’ impudico: è il più appropriato, ogni reality che si rispetti è preparato a degenerazioni osé del programma. E le difende. Il telespettatore si ritenga libero di aggiungervi un accento: che diventi pure un “casinò”, se preferite.Va bene uguale. Puntate allora, scommettete. Fate il vostro gioco.


Perché ognuno qui fa il suo. La competizione s’è imbizzarrita come uno scecco alle prese con i suoi recenti servigi ecologici. I nitriti di Bonomo della scorsa settimana hanno destato scompigli imprevedibili nella stalla del centro sinistra. Numero uno, la cosiddetta “curva del Tabaccaio”: l’incursione a gamba tesa nella (fin lì) sorniona primaria ad opera del Bonomo provinciale, che ha vissuto essa stessa di un lampeggiante candidarsi e ritirarsi (dicesi 4 on-off in poche ore), fino a fulminarsi nella serata del venerdì. Tutto ciò, però, non prima di produrre ulteriori effetti. Il Laboratorio & Co. – ci viene da pensare – era pronto a ritirare la più Rosa delle alternative, per lasciare spazio al buon uomo provinciale, così da provare a pizzicare consensi anche all’interno dell’area critica del Piddiri e da nuovi alleati: chissà, persino i rifondelli. Spiazzato dal ritiro – primo panico – sfuma il piano e si resta un po’ in impasse. Poi il pungolare di Matteo Cangelosi determina la più imprevista delle reazioni: Mario Cicerone che di colpo s’alza, ritira la propria candidatura e se ne va a casa. Shock! Considerato che anche Rosa Gentile aveva annunciato il proprio ritiro, per un paio d’ore il centro sinistra non ha avuto candidati. Vi giuriamo che è tutto vero. Di fantasia invece, ci immaginiamo la corsa appassionata di un Allegra emozionato che, appresa la notizia, di colpo lascia il tavolo di destra per correre verso il vecchio amore. E il sogno di riabbracciarlo – solo lui, senza nessun altro pretendente – libero di stringersi forte questa candidatura al petto. Niente affatto, non c’è stato il tempo. Al mattino Cicerone era tornato lì, in attesa di quelle primarie annunciate. C’era di mezzo un dibattito pubblico, al sabato, concordato per riempire quel buco con gli elettori rispetto ai programmi che vedevano due giorni di primarie. Qui ecco presentarsi il bivio: il Piddiri dava per scontate almeno le primarie di domenica; il Laboratorio, invece, manco a parlarne. Il trambusto del bonomosì bonomonò, la necessità di un attimo di riflessione, il concordare meglio le spartenze e le altre robe che alleanza vuole: amunì, un’altra simana…
Il Piddiri, che oramai s’è autoconvinto di avere le movenze di un carrarmato, niente, decide di tirare dritto: ed eccovi com’è che nasce un ulteriore monoprimaria. “Mi rimetto alle urne” – dice Mario – e lo dice però anche qualcuno altro, tra i conati, perché si ritrova davanti l’ennesima dimostrazione di un centro sinistra monoteista. Ecco perchè “gira, furria e vota”: ad oggi, a parte il tentativo della Davide Rosa, contro il Golia Cicerone s’è visto solo un Bonomo in ritardo ormonale, un Allegra sovraeccitato ma sterile, un timidissimo adolescente Sferruzza e i rifondelli – of course – che in questo momento, a proposito, se la stanno scialando. Quindi, arieccote Mario, che peraltro ha da esultare per 521 votanti e paganti. Che scenari apra tutto ciò è difficile dirlo. Problemi di abbondanza invece – ovviamente – a destra. Tant’è che risolveranno il 18 c.m. con primarie tricefale: Campo, un Allegra in cerca di ospitalità di un partito (MPA in poll position!!!) e un Uddiccino. E, u puddicino – che vuoi farci – dovrebbe essere l’ostinato Tumminello, che tanto ha fatto nel partito da creare le ragioni per un commissariamento. E, se il commissario è Vaccarella, il candidato mi sa mi sa che… gira furria e vota…

A proposito di Michele Spallino

7 Comments

  1. golaprofonda

    7 marzo 2007 at 18:10

    Si annuncia un comizio sabato sera del candidato rifondello, l’avvocato Partenopeo!
    E chi mai si nasconderà dietro il documento firmato “Sinistra Unitaria” che mira a riunire le anime della sinistra svuotando di consensi rifondelli, laboratorio e nuova primavera divenendo interlocutore unico e forte del partito democratico?
    Lo sapete che se vince allegra da noi c’è il libera tutti con il voto disgiunto?????
    Il sindaco è fatto, ha un nome e un cognome: mariocicerone!

  2. carlettomax

    7 marzo 2007 at 21:31

    Complimenti mik! Questa volta era davvero difficile, però sei riuscito a mantenere una certa oggettività. E poi fa sempre sorridere, anche se la situazione non aiuta. Ho i visto i tazebao di questa Sinistra Unitaria. Ma sono quelli usciti da Rifondazione? i Minutella e gli altri?

  3. Impolitico

    8 marzo 2007 at 02:29

    per inciso….

    Sinistra Unitaria non è composto da fuoriusciti da Rifondazione…semmai potremmo dire che esiste una parte consistente di ex iscritti (ad oggi se ne contano una decina) più compagni provenienti da esperienze diverse e di un pò di giovani ellettori di Rifondazione Comunista e singoli uomini e donne di sinistra che non condividono il percorso del circolo gramsci. Mi preme sottolineare nel caso specifico che non sono fuoriusciti, nel senso di una scissione, proprio per il fatto che il circolo ha rifiutato più volte il confronto con questi compagni. Una scelta legittima (in campagna elettorale, bah) ma che non condivido!
    Di Sinistra Unitaria sarà pubblicato al più presto il documento politico di costituzione anche su questo blog.

  4. composito

    8 marzo 2007 at 13:04

    Per favore non concentriamo il dibattito intorno Sinistra Unitaria nel capire se sono ex Rifondelli o non ex Rifondelli.
    Sinistra Unitaria è una forza di sinistra che vuole porsi come interlocutore delle attuali componenti del centrosinistra; è una forza a cui alcuni hanno aderito perchè rifiutati dal loro partito, altri perchè non ne condividono le scelte e altri ancora perchè non vedono prospettive politiche diverse dall’unione delle forze della sinistra. Ecco perchè è unitaria.

  5. ophrys

    8 marzo 2007 at 18:15

    WELCOME!!…..da iscritto al Partito Democratico dò il benvenuto a Sinistra Unitaria con l’augurio che aiuti il dibattito politico a fare un salto di qualità..che si parli finalmente del Paese, dei suoi bisogni, dei bisogni delle Famiglie…ormai credo che la questione candidato sindaco è alle spalle; guardiamo al programma, alla Squadra…guardiamo alla capacità della politica di riappropiarsi del ruolo che ad essa spetta nella crescita economico-sociale di una comunità. Iniziamo dalla questione acqua, troviamo una posizione unitaria partecipando alla manifestazione di sabato…sarebbe un buon inizio!

  6. pasqualinosettebellezze

    8 marzo 2007 at 18:45

    cioè….praticamente ve le state cantando e suonando da voi stessi….ma quanto sei bello tu……ma quanto sono bravo io !!!!!
    bravi !!!

  7. Redazione

    8 marzo 2007 at 20:12

    Si rinnova l’esigenza di mantenere, nel tentativo di perseguire la chiarezza, l’attinenza al tema introdotto nell’articolo.
    A proposito della Sinistra Unitaria è presente un apposito documento nella “Bacheca Politica”, e si prega di proseguire lì eventuali ulteriori discussioni sul tema.
    Grazie

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi