Abbazia Santa Anastasia. La storia del Litra nel volume che ricostruisce il lavoro del Maestro Giacomo Tachis

By on 15 Nov 2018

LITRA – LO STORICO CRU AZIENDALE PREMIATO IL PROSSIMO 24 NOVEMBRE COI 5GRAPPOLI BIBENDA – NEL LIBRO COMMISSIONATO DALLA FONDAZIONE BANCACHIANTI

“Giacomo Tachis, mescolavin”. Il racconto della nascita del Litra nel volume che ricostruisce il lavoro del grande maestro dell’enologia italiana.

[Riceviamo e pubblichiamo] Castelbuono, XII Novembre. Abbazia Santa Anastasia, cantina di vini biologici e biodinamici e piccolo relais de charme a Castelbuono, sulle Madonie, ha avuto il privilegio di avvalersi lungo la sua storia aziendale della collaborazione di uno straordinario professionista e uomo: Giacomo Tachis, il mescolavin, come amava descriversi con ironia.

Più di un anno fa, la Fondazione ChiantiBanca ha iniziato un lavoro di ricerca e documentazione per ricostruire il lavoro di Giacomo Tachis, enologo, maestro.
Questo lavoro trova spazio oggi in un elegante (e corposo) volume dal titolo: Giacomo Tachis, mescolavin.

Nel volume viene riportata la sua esperienza in Abbazia Santa Anastasia attraverso il racconto del fondatore, l’ingegnere Francesco Lena. Il protocollo di produzione del Litra, storico vessillo aziendale, porta infatti la sua firma.

“Tachis, come consulente ufficiale dell’Istituto Vite e Vino di Palermo, seguiva tutti i vini delle piccole aziende che portavano i propri prodotti a fare le analisi presso l’Istituto – ricorda l’ingegner Francesco Lena – e un giorno gli capita di assaggiare un Cabernet Sauvignon in purezza che lo intriga molto, così chiede di poter conoscere il produttore. Rimasi colpito che il grande enologo si fosse interessato a questo rosso che producevo da un piccolo vigneto di soli tre ettari. Il Maestro mi disse: ‘Questo vino è in grado di dare ottimi risultati!’ ”.
Così iniziò il percorso che portò il Litra al grande successo di cui tutt’ora gode.

Il 24 Novembre Abbazia sarà infatti presente con il Litra 2014 alla cerimonia di consegna dei 5 Grappoli, il massimo riconoscimento attribuito dalla Federazione Italiana Sommelier ad etichette che si sono distinte per equilibrio, eleganza e identità.

Nel libro anche un inserto con la presentazione dello chef stellato Patrizia di Benedetto, che abbina il Litra ad un piatto di sua creazione.

Il volume – curato dal giornalista Andrea Cappelli per la fotografia di Bruno Bruchi – è stato presentato lo scorso Sabato 10 Novembre al convegno: “Giacomo Tachis. Omaggio ad un maestro” presso la cantina di Santadi, a Cagliari.

Tra gli interventi previsti, quello della dott. Ilaria Tachis, figlia del maestro, e del marchese Antinori.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi