Asini al servizio di un grande progetto: salvare il Mondo.

Riceviamo e pubblichiamo un intervento inviatoci dal Gabinetto del Sindaco.

In questi anni la comunità di Castelbuono ha avviato diversi percorsi virtuosi prestando grande riguardo alla politica ambientale ed energetica. Oggi, infatti, il nostro paese può vantarsi, senza tema di smentita, di essere tra i comuni che più di altri hanno attuato la politica delle buone prassi imperniate sul rispetto e sul recupero ambientale.
Dal 1994 è in funzione il depuratore in contrada S. Lucia: siamo tra i pochi comuni che scarica acqua pulita in mare. Oggi diventa ancora più urgente pretendere che altre città e paesi lo facciano, infatti, da un ultimo studio effettuato sul Mediterraneo, risulta che l?inquinamento lascia tracce di sostanze tossiche nei pesci che noi mangiamo e sta provocando la morte dello stesso mare.
In questi ultimi cinque anni presso le strutture pubbliche del nostro comune abbiamo installato nuovi impianti di produzione energetica: impianto fotovoltaico presso la scuola elementare S. Leonardo; impianto solare termico nella scuola Materna; impianto solare termico sia al campo sportivo Luigi Failla che al campetto polivalente Totò Spallino. Infine si realizzerà presso l?area adiacente il depuratore di contrada S.Lucia, un grosso impianto fotovoltaico di 1.600 mq che produrrà energia elettrica per kwh 323.300 l?anno. Tutto ciò permetterà al nostro comune di avere un risparmio di ? 28.000,00 e in più 56.000,00 ? per via del certificato verde, per un totale di 85.000,00 ?. Contribuiremo così nel nostro piccolo a non bruciare petrolio e tutti conosciamo quali siano i veleni a questo collegati e immessi in atmosfera.
Inoltre, tra qualche mese inizieranno i lavori per realizzare un impianto di compostaggio in contrada ?Cassanisa? dove sarà prodotto ?concime? dai rifiuti della porzione ?umida?, rendendolo disponibile ai residenti: è stato dimostrato che è uno dei migliori fertilizzanti che ci può aiutare a contrastare la desertificazione che sta interessando interi continenti e che anche in Sicilia avanza.
E? peraltro di questi ultimi giorni la notizia diffusa dagli scienziati che i ghiacciai del Monte Bianco si sono ritirati in un anno di mt.15 e in più il W.W.F. ha lanciato l?allarme che di questo passo, tra 50 anni, ci servirà “un altro Mondo”.
Abbiamo avviato dal 1996 la raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani. Nel 2005 siamo arrivati al 35%, favorendo il rispetto dell?ambiente e inviando dal 2003 al 2005 alle piattaforme che riciclano i rifiuti Kg 383.970 di carta e cartone, Kg 109.280 di plastica, Kg 360.130 di vetro, Kg 556.080 di frazione umida, Kg 945 di farmaci scaduti, batterie e pile esauste, Kg 15.670 imballaggi in legno, Kg 4.640 imballaggi misti, Kg 31.160 indumenti usati, Kg 55.400 materiale ferroso eterogeneo, Kg 46.950 segatura e trucioli in legno, Kg 8.880 apparecchiature contenenti CFC (frigoriferi fuori uso), Kg 3.840 pneumatici fuori uso, Kg 200 apparecchiature elettroniche.
Tutto ciò ci ha permesso di inviare in discarica Kg 1.577.145 in meno di rifiuti e abbiamo avuto riconosciuti – da parte dei consorzi di filiera COMIECO e COREPLA- ? 33.566,45 nell?anno 2004/05.
Inoltre, con la grande maturità dimostrata dai cittadini di Castelbuono nell?effettuare la raccolta differenziata porta a porta, togliendo i cassonetti dove si annidavano i più disparati agenti inquinanti, la nostra cittadina sta contribuendo a salvaguardare gli equilibri ambientali e sappiamo che non è poco.
Ecco allora l?idea di utilizzare come mezzi di trasporto gli asini per continuare a operare in modo da consegnare un mondo migliore ai nostri figli (in questi giorni stiamo effettuando le prove): con il loro lavoro sostituiscono gli inquinanti e rumorosi furgoni a gasolio. Utilizzando gli asini al posto dei furgoni, oltre ad avere un risparmio economico diretto (un furgone costa ? 30.000,00 si ammortizza in cinque anni e poi si deve sostituire), un Asino di 3/5 anni costa da 700 a 1.500 ? e si deve sostituire solo quando diventa anziano e non può più lavorare. Un furgone ogni anno ha un costo di ? 7.000/8.000, tra assicurazione, bollo, manutenzione e gasolio; un asino tra alimentazione e ricovero in stalla, più pulizia e attrezzatura, costa ? 2000. Inoltre si potrebbe chiedere (di istituire per legge) il rilascio di certificati verde per ogni asino utilizzato, con un contributo, il doppio in rapporto al risparmio energetico avuto.
La domanda che può sorgere spontanea è: per sostituire un furgone quanti asini ci vogliono? Noi prevediamo che due mezzi possano essere sostituiti da tre animali e che gli operai impegnati si riducano da quattro a tre.
Le zone interessate saranno: Via A. Ventimiglia, Via Macello e traverse, Via S. Anna, Viale Castello, Via Benedettini, Via Collegio Maria e traverse, Piazza Rosario, Piazza S. Nicola, Via Ventriera, Piazza S.Antonino, Via Alessandro,Via Livolsi, Via Mustafà, Largo Diciotto Aprile e traverse, Via Conceria, Via Roma, Via San. Francesco, Piazza Parrocchia, Corso Umberto, Via Vittorio Emanuele e traverse.
Cari cittadini, ancora una volta abbiamo una bella scommessa davanti: come notate avremo un risparmio economico ma la cosa più importante è che contribuiremo a rendere il mondo più pulito, introducendo gli asini e buttando fuori dal nostro centro abitato mezzi che bruciando carburanti inquinanti lasciando nell?aria polveri sottili che provocano allergie e gravi malattie.
Se poi, come gia sta succedendo, altri comuni ci vorranno imitare e se riusciremo a sostituire diversi furgoni, immaginiamo insieme che bellissimo percorso virtuoso avremo avviato: per ogni furgone, 5.000 ? di gasolio bruciati in meno moltiplicati per ogni animale utilizzato!
Cari concittadini, a gennaio inizieremo insieme alla società Ecologia Ambiente questo servizio: vi chiedo ancora una volta di collaborare e di darci i vostri consigli. Insieme possiamo collaborare per costruire un mondo più bello, senza sottovalutare l?impatto culturale che tutto ciò avrà ed in più, per una volta, potremo essere noi dalla Sicilia ad esportare le buone prassi verso altre realtà.

Sì, dalla Sicilia dobbiamo costruire insieme delle buone opportunità affinché nei prossimi anni tante altre realtà potranno venire da noi per apprendere quei percorsi che permetteranno di costruire metodologie e opportunità che daranno benessere, senza distruggere le risorse che la natura ci ha affidato.


Il Sindaco
Mario Cicero

5 Commenti

  1. […] La terza notizia arriva invece da Castelbuono, un paesino della mia provincia che ha deciso tramite un bel comunicato di sostituire i camion della nettezza urbana con degli asini: i primi costavano al comune, ogni 5 anni, circa 70 mila euro. Gli asini, oltre a non inquinare, a non fare rumori “terrorizzanti”, costeranno circa 10 mila euro. Tanti bei soldi risparmiati e, senza dubbio, tanta aria pulita in più per il futuro dei nostri figli. Sono previsti 3 asini ogni 2 camion. Davvero una bella iniziativa. […]

  2. Sì, dalla Sicilia dobbiamo costruire insieme delle buone opportunità affinché nei prossimi anni tante altre realtà potranno venire da noi per apprendere quei percorsi che permetteranno di costruire metodologie e opportunità che daranno benessere, senza distruggere le risorse che la natura ci ha affidato.

    Il Sindaco
    Mario Cicero

    FAVE PERMETTENDO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.