Caso eternit. Riaperte le scuole. L’avviso dell’Amministrazione comunale

Avviso agli utenti delle scuole e ai residenti della zona adiacente all'ex carcere di Via Mazzini

[riceviamo e pubblichiamo] Ci scusiamo per questo allarme che si è provocato inerente la presenza di pezzi di eternit  e sfabbricidi che in modo “irresponsabile” sono stati spostati dalle zone limitrofe dell’area dell’isola ecologica di Piano Marchese al parcheggio degli automezzi comunali in Via N.

Sicuramente la presenza di questo materiale che non era occultato, ma era stato posato in quel posto temporaneamente in modo improprio, era stato ben coperto per evitare qualsiasi intervento dei fattori atmosferici, in quanto si trattava di materiale compatto che poteva essere ridotto in polvere solo con l’impiego di attrezzi.

Tutto ciò non giustifica l’errore fatto, l’amministratore della Società Castelbuono Ambiente si era già attivato con un’azienda specializzata per il ritiro sia dell’eternit che degli sfabbricidi, infatti il 29 l’azienda è venuta ed ha attivato tutte le procedure per il recupero, rassicurandoci che la copertura che avevano fatto gli operai garantiva il non inquinamento dell’area.
Oggi, l’azienda incaricata è venuta per incapsulare (incapsulamento consiste nel trattamento dell’amianto con prodotti penetranti e ricoprenti che tendono ad inglobare le fibre di amianto, a ripristinare l’aderenza al supporto, a costruire una pellicola di protezione sulla superficie esposta) il materiale e mettere in sicurezza quella piccola porzione di terreno, queste operazioni sono state autorizzate dallo SPRESAL.
Abbiamo avuto rassicurazioni che non c’è rischio di inquinamento in quanto trattasi di amianto in matrice compatta e per tale motivo da domani l’attività scolastica ritorna nella normalità, sarà revocata l’ordinanza e  nei prossimi giorni la ditta completerà l’operazione di ritiro del materiale.
Si  allegano le foto e la dichiarazione di messa in sicurezza della ditta, si fa altresì presente che a queste operazioni erano presenti il vicesindaco Mazzola e l’assessore Cusimano.


L’amministrazione comunale