Caso Montante. Le precisazioni di Giuseppe Oddo

In riferimento all’articolo “Caso Montante, i rapporti con Lirio Abbate e Giuseppe Oddo“, riceviamo e pubblichiamo volentieri una nota di Giuseppe Oddo che spiega alcuni passaggi riportati da Meridionenews e da noi ripubblicate.

Circa le notizie sul mio conto riportate da Castelbuono.org preciso quanto segue.
Sono stato ascoltato dalla Procura di Caltanissetta nell’autunno 2015 – nell’ambito delle indagini sull’ex presidente di Confindustria Sicilia ed ex delegato di Confindustria nazionale per la legalità, Antonello Montante – come persona informata sui fatti e non per aver ricevuto dallo stesso Montante “intercessioni o tutele” come inviato del Sole 24 Ore. In tale veste ho riferito al magistrato tutto quanto è a mia conoscenza senza tacere alcun particolare appartenente al mio ricordo. Le mie dichiarazioni sono state rilasciate nel pieno rispetto dell’obbligo di dire la verità.
Quando sono stato convocato dall’autorità giudiziaria avevo da tempo interrotto i rapporti con il signor Montante, che non sono mai stati in alcun modo ripresi né direttamente né indirettamente. In qualsiasi sede continuerò a mantenere fede all’impegno morale prima che giuridico di riferire la verità dei fatti, anche nella parte in cui dovesse contrastare con ricostruzioni fatte da altre persone.
Montante per me è stato una fonte giornalistica con cui ho intrattenuto rapporti professionali durante il mio lavoro di inviato in Sicilia per “Il Sole 24 Ore”. Chiunque a questo proposito può leggere le mie inchieste sulla Regione siciliana, sul Comune di Palermo o sul sistema dei rifiuti in Sicilia consultabili sulla banca dati del quotidiano oppure su internet.
Giuseppe Oddo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.