Commemorazione eccidio di Porta Brennone, tra i partigiani anche il castelbuonese Carabillò

By on 2 febbraio 2017

[eventi.comune.re.it] Venerdì 3 febbraio, alle ore 10, si svolgono le commemorazioni dell’eccidio di Porta Brennone – i quattro giovani partigiani Sante Lusuardi, Dino Turci, Cristoforo Carabillò e Vittorio Tognoli, fucilati dai fascisti, dopo atroci torture, all’alba del 3 febbraio 1945 all’angolo tra corso Garibaldi e via Porta Brennone – e del partigiano Angelo Zanti, fucilato nel cortile dell’ex caserma Zucchi il 13 gennaio dello stesso anno.
La cerimonia partirà da via Farini, sotto la sede dell’Anpi, in direzione corso Garibaldi, fino a via Porta Brennone, alla lapide posta in memoria dei martiri. Qui interverranno la presidente del Consiglio comunale di Reggio Emilia Emanuela Caselli e Antonio Zambonelli dell’Anpi provinciale di Reggio Emilia.
Il corteo proseguirà poi su viale Allegri per arrivare alla lapide del partigiano Zanti, posta sulla facciata dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Qui interverrà il direttore del polo archivistico Massimo Storchi.
I cadaveri dei quattro giovani partigiani, a piedi nudi e mani ancora legate con fil di ferro, vennero lasciati al margine della strada per alcuni giorni, con il divieto di rimuoverli e di darvi sepoltura, quale monito alla popolazione civile a non collaborare con la Resistenza.
Due erano correggesi, Sante Lusuardi e Dino Turci, di 21 e 22 anni. Il terzo, Cristoforo Carabillò di Castelbuono (Palermo) dove era nato nel 1917. Sottotenente dei bersaglieri nella caserma Reverberi, a Scandiano, era diventato amico e collaboratore del quarto ucciso, Vittorio Tognoli, 24 anni, studente universitario di Scandiano.
Il dirigente partigiano Angelo Zanti, medaglia d’argento al valore militare, dopo aver preso parte alla Resistenza come ufficiale di collegamento tra il Comando Piazza di Reggio, le formazioni di montagna e il Comando militare regionale, fu arrestato con altri dirigenti, torturato e condannato a morte dal Tribunale straordinario militare di guerra di Reggio. Sul lato della ex Caserma, di fronte al teatro della Cavallerizza, è stata posta una lapide commemorativa in ricordo del suo sacrificio.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close