Consiglio di Biblioteca: “La Costituzione Italiana. 70 anni dopo”

La Costituzione della Repubblica italiana entrò in vigore il 1 gennaio 1948.
A distanza di settant’anni ,essa, seppur modificata in qualche parte, è sostanzialmente, quella che i padri costituenti elaborarono nel corso di un anno e mezzo (giugno 1946- dicembre 1947) di lavori, che fu approvata il 22 dicembre 1947 e firmata dal capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola cinque giorni dopo.?
Abbiamo avvertito l’esigenza di sottolineare tale ricorrenza non per uno scopo puramente celebrativo, ma per offrire un’ulteriore occasione di conoscenza di quella che è la legge fondamentale della nostra Repubblica, della storia della sua origine, dello spirito che animò i membri dell’Assemblea Costituente nella formulazione e stesura delle varie parti.
E, conseguentemente, stimolare una riflessione più consapevole, visto che da qualche anno, la Costituzione è al centro di un dibattito culturale e politico.
Per parlarci della Costituzione e rispondere alle nostre domande, abbiamo invitato il prof. Matteo Di Figlia, docente di Storia Contemporanea presso l’Università degli studi di Palermo, i cui interessi di ricerca hanno riguardato la storia del fascismo e dell’ebraismo italiano in età contemporanea e il dott. Angelo Piraino, magistrato dal 1997, Consigliere presso la Corte di Appello di Palermo, prima sezione civile, che, dal 2008 al 2011 ha svolto l’incarico di vice capo dell’Ufficio legislativo presso il Ministero della giustizia, occupandosi della redazione di molte riforme della giustizia.
Invitiamo tutti i cittadini a partecipare.

I componenti del Consiglio di Biblioteca