Continuano gli incendi per autocombustione nel negozio Punto Verde: chiusi anche i nuovi locali

[ILCALEIDOSCOPIO.INFO – Giuseppe Spallino] Non hanno tregua i titolari del negozio floreale Punto Verde. Altri quattro incendi per autocombustione hanno colpito i nuovi locali: delle spighe, un foglio di carta, una vaschetta di plastica e la tenda. Così anche questi vani, dove si erano allocati momentaneamente da un mese, sono stati evacuati.

In tutto sono dieci i casi che si sono abbattuti su Punto Verde. Ricordiamoli brevemente: il 30 aprile le fiamme iniziarono a scoppiare nel magazzino all’interno del locale. Il giorno dopo, il 1° maggio, un telecomando senza batterie stava per prendere fuoco. Sembrava che tutto si fosse calmato, invece la mattina del 2 maggio dei semplici elastici hanno incominciato ad emettere fumo. Questi tre fatti hanno costretto i proprietari, i coniugi Nicola ed Enza Failla, persone molto stimate in paese, a chiudere il locale e a trasferirsi in due vani a pochi metri, dove si è proceduto a lavorare tranquillamente fino alle 19 e 30 del 28 maggio, quando delle orchidee sono cominciate a divampare. L’indomani mattina, poi, prendono fuoco anche delle piante con l’acqua. Pochi minuti dopo arrivano i carabinieri e mentre scattano delle foto si accorgono che si stavano infiammando anche dei coltelli. Le autocombustioni continuano con gli ultimi altri quattro casi ricordati.

Adesso si è in attesa dei controlli da parte dell’Arpa.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.