Del centro Poliz.

By on 26 novembre 2012

C’era una volta l’insana creatività di Mario Cicero, famigerata oltre i confini della contea e ragione di fortunati riscontri o di bizzarre impraticabilità e scommesse dalle sorti alterne. Nella contea si viveva in un clima fiabesco, dove tutto poteva accadere – di buono o pessimo – regalando alla vita degli abitanti sferzate d’adrenalina e una dose massiccia di suspense all’ordinarietà amministrativa.
In quel tempo si arrivò a sfiorare con mano di infrangere la dimensione utopica dell’ancestrale adagio “gli asini non volano”. Ci mancò pochissimo.
Dal cilindro seppe tirar fuori, sic et sempliciter, ed oltre alle trovate più note, una nuova istituzione culturale in grado di concentrarsi sul vissuto storico e artistico locale, quello più recente, svincolando il centro civico, oramai opportunamente dedito al ruolo di museo già dalle mille sfaccettature. Fortuna volle che a gestire quella giovane creatura vennero nominati degni personaggi dotati di talento e inventiva che, senza soldo alcuno, seppero mettere su – nel giro di poche settimane – iniziative concrete e subito apprezzate. Il museo virtuale raccolse così migliaia di testimonianze e, ancora adesso, in quelle foto spesso mi tuffo per naufragare nel dolce mare di ricordi sopiti d’infanzia.
La scure della politica di quartiere si è oggi abbattuta anche sugli interpreti di quella brevissima e meritoria stagione ricca di sana iniziativa civica. Il Centro Polis, che non prendeva il nome dal presidente Polisi, oggi è con evidenza divenuto invece “Centro Poliz.”, perché strumento buono per corteggiare esponenti che sostennero il candidato Polizzotto (oggi peraltro impegnato in altri e più prestigiosi lidi). Le nuove nomine sono giunte quale immediata (infantile, per tempismo) risposta ad una costruttiva missiva degli ex amministratori, in cui si faceva garbatamente presente di non aver avuto alcun contatto o seguito, da parte della nuova giunta, nei diversi mesi oramai intercorsi. A sostituire il direttore Stefania Sperandeo arriva Giovanni Noce, giovane in vista per il suo protagonismo in svariati contesti dell’attivismo locale (ed anche in variabili contesti politici, se la memoria non mi inganna) apparentemente poco incline, per formazione e pratica, alle materie oggetto del contendere. Questo sito però prefigurava, in tempi non sospetti, la somiglianza del bravo Noce al celebre cantautore Franco Battiato, che assessore regionale alla Cultura lo è diventato; e forse così il sindaco ha trovato il nesso curriculi che giovava.
Ma, al di là di ogni svilente modalità selettiva degli interpreti, l’unico auspicio che resta è quello di vedersi smentiti dalla voglia di riscatto dei nominati. E’ evidente che a Castelbuono il “merito” non è ragione sufficiente per premiare le buone pratiche (è l’ennesima prova, dopo il comitato S.Anna e il museo Civico), ma non al punto da scoraggiarmi dall’augurare ai nuovi, chiunque essi siano, di mettercela sempre tutta a raccogliere (almeno loro) il buono e l’edificante da ogni recente passato.

A proposito di Satira Danzante

Un commento

  1. Redazione

    26 novembre 2012 at 16:14

    Gentile Satira Danzante, dice bene quando specifica “in tempi non sospetti”: il 6 di novembre – data della nomina di Battiato ad assessore – scherzavamo sulla somiglianza (http://www.castelbuono.org/il-centro-di-gravita-somigliante/) mentre il 20 è arrivata la nomina da parte del sindaco per il nostro Giovanni (autore in questo blog di rubriche sportive, dell’ultima edizione de L’Insindacabile e conduttore di tg per l’arci tv).
    La nomina è certamente arrivata per altre ragioni, ma chissà che il nostro rassumigliu porti bene. Faremo delle prove.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi