Disguidi e contrasti nello Sdi di Castelbuono

[fonte: MadonieNews – 16 gennaio 2007 – Giuseppe Spallino]

È sempre più acceso il dibattito all?interno del centrosinistra di Castelbuono sul nome da proporre alle prossime amministrative. In questi casi, si sa, a volte nei partiti incombono disguidi e contrasti. È il caso dello Sdi.
Infatti, dopo la costituzione del Partito Democratico, lo Sdi castelbuonese si è praticamente spaccato in due. Una parte del partito ha scelto di entrare nel Partito Democratico, mentre l?altra di restarne fuori.
Tra i primi vi è Vincenzo Marguglio, il quale afferma: ?lo Sdi di Castelbuono è all?interno del Partito Democratico, pertanto ne condivide scelte e programmi?. Di parere diametralmente opposto è il presidente del consiglio comunale Eugenio Allegra, anch?egli dello Sdi: ?non si possono portare contemporaneamente due bandiere, quindi lo Sdi non fa parte del Partito Democratico. E confermo che il nostro dissenso non è nei confronti di Mario Cicero. Abbiamo solo chiesto, come altri partiti, semplicemente il rinnovamento?.
Il sindaco Mario Cicero, intervenendo sulla vicenda, ci ha detto: ?so dei contrasti che ci sono all?interno dello Sdi, ed è normale nella vita di un partito, ma auspico che si possano risolvere al più presto?.
Intanto all?assemblea pubblica del Partito Democratico, svoltasi il 14 gennaio, si è deciso che entro il 21 gennaio chi vuole candidarsi dovrà consegnare alla segreteria una lista di 15 nomi di iscritti al partito che appoggiano la candidatura.