Castelbuono .Org http://www.castelbuono.org Fatti e opinioni del tutto castelbuonesi. Fri, 25 May 2018 15:53:15 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.5 L’Associazione Culturale Gruppo Teatro Incontro torna sulla scena con la commedia “Ammucca Fissa ca ‘u sceccu passa” http://www.castelbuono.org/lassociazione-culturale-gruppo-teatro-incontro-torna-sulla-scena-con-la-commedia-ammucca-fissa-ca-u-sceccu-passa/ http://www.castelbuono.org/lassociazione-culturale-gruppo-teatro-incontro-torna-sulla-scena-con-la-commedia-ammucca-fissa-ca-u-sceccu-passa/#respond Fri, 25 May 2018 08:21:56 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69111 L’Associazione Culturale Gruppo Teatro Incontro torna sulla scena con la commedia “Ammucca Fissa ca ‘u sceccu passa” [Riceviamo e pubblichiamo] L’Associazione Culturale Gruppo Teatro Incontro, storica compagnia teatrale castelbuonese, famosa per aver portato sulle scene formidabili commedie brillanti popolari, torna a calcare il palcoscenico per festeggiare i suoi 44 anni di vita con la commedia in tre atti “Ammucca Fissa ca ‘u sceccu passa”, con il testo di Pino Giambrone e la regia di […]]]> L’Associazione Culturale Gruppo Teatro Incontro torna sulla scena con la commedia “Ammucca Fissa ca ‘u sceccu passa”

[Riceviamo e pubblichiamo] L’Associazione Culturale Gruppo Teatro Incontro, storica compagnia teatrale castelbuonese, famosa per aver portato sulle scene formidabili commedie brillanti popolari, torna a calcare il palcoscenico per
festeggiare i suoi 44 anni di vita con la commedia in tre atti “Ammucca Fissa ca ‘u sceccu passa”, con il testo di Pino Giambrone e la regia di Aldo Mazzola. L’appuntamento è fissato per venerdì 1 e domenica 3 giugno alle ore 21.30, presso la magnifica cornice del Chiostro di San Francesco.
I biglietti per assistere alla commedia saranno disponibili esclusivamente sabato 26 e domenica 27 maggio dalle ore 16.00 alle ore 19.00, fino ad esaurimento posti, presso la sede dell’Ufficio Turistico. Il costo del biglietto in prevendita è di 8 euro, mentre al botteghino 6 euro.
Non ci resta che darvi appuntamento per le serate dell’ 1 e 3 giugno all’insegna del divertimento e delle risate in compagnia del Gruppo Teatro Incontro!

 

]]>
http://www.castelbuono.org/lassociazione-culturale-gruppo-teatro-incontro-torna-sulla-scena-con-la-commedia-ammucca-fissa-ca-u-sceccu-passa/feed/ 0
Aggressione ai danni di un castelbuonese, arrestato 44enne ubriaco http://www.castelbuono.org/aggressione-ai-danni-di-un-castelbuonese-arrestato-44enne-ubriaco/ http://www.castelbuono.org/aggressione-ai-danni-di-un-castelbuonese-arrestato-44enne-ubriaco/#respond Thu, 24 May 2018 10:50:59 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69103 Aggressione ai danni di un castelbuonese, arrestato 44enne ubriaco Segnaliamo una news apparsa sul Giornale di Sicilia di oggi in un articolo a firma del giornalista Giuseppe Spallino. La notizia riporta l’arresto di F.C., castelbuonese di 44 anni, volto già noto alle forze dell’ordine, per un’aggressione ai danni di J.L.G., personaggio conosciuto per il suo per l’impegno nell’organizzazione di eventi di richiamo turistico. F.C., […]]]> Aggressione ai danni di un castelbuonese, arrestato 44enne ubriaco

Segnaliamo una news apparsa sul Giornale di Sicilia di oggi in un articolo a firma del giornalista Giuseppe Spallino. La notizia riporta l’arresto di F.C., castelbuonese di 44 anni, volto già noto alle forze dell’ordine, per un’aggressione ai danni di J.L.G., personaggio conosciuto per il suo per l’impegno nell’organizzazione di eventi di richiamo turistico.
F.C., ubriaco al momento dell’aggressione, ha prima opposto resistenza ai Carabinieri intervenuti sul posto, e ha poi affermato che la sua vittima non gli avrebbe pagato un lavoro. L’uomo è subito finito in manette con le accuse di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

]]>
http://www.castelbuono.org/aggressione-ai-danni-di-un-castelbuonese-arrestato-44enne-ubriaco/feed/ 0
Anziana di 90 anni raggirata e violentata a Castelbuono. Il colpevole incastrato da una telecamera nascosta http://www.castelbuono.org/anziana-di-90-anni-raggirata-e-violentata-a-castelbuono-il-colpevole-incastrato-da-una-telecamera-nascosta/ http://www.castelbuono.org/anziana-di-90-anni-raggirata-e-violentata-a-castelbuono-il-colpevole-incastrato-da-una-telecamera-nascosta/#respond Thu, 24 May 2018 10:26:48 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69100 Anziana di 90 anni raggirata e violentata a Castelbuono. Il colpevole incastrato da una telecamera nascosta È stata interrogata ieri la badante rumena dell’anziana 90enne affetta dal morbo di Alzheimer che sarebbe stata raggirata e violentata da D.C., 67enne vigile urbano di Castelbuono. Secondo quanto riportato da un articolo sul gds a firma del giornalista Giuseppe Spallino, la badante si sarebbe improvvisata investigatrice, piazzando una telecamera nascosta nella stanza dell’anziana per […]]]> Anziana di 90 anni raggirata e violentata a Castelbuono. Il colpevole incastrato da una telecamera nascosta

È stata interrogata ieri la badante rumena dell’anziana 90enne affetta dal morbo di Alzheimer che sarebbe stata raggirata e violentata da D.C., 67enne vigile urbano di Castelbuono. Secondo quanto riportato da un articolo sul gds a firma del giornalista Giuseppe Spallino, la badante si sarebbe improvvisata investigatrice, piazzando una telecamera nascosta nella stanza dell’anziana per incastrare l’uomo, che le aveva esorto denaro dietro minacce di licenziamento sin dall’inizio del rapporto lavorativo. La telecamera avrebbe però portato a galla anche gli abusi sessuali dell’uomo perpetrati ai danni della 90enne. L’uomo sarebbe inoltre responsabile di aver indotto l’anziana signora a vendere un appezzamento di terreno, prelevando successivamente il denaro ricavato dal suo conto.

A condurre l’inchiesta è stato il Maresciallo maggiore dei Carabinieri di Castelbuono Ernesto Nese. Gli avvocati dell’uomo sono Massimiliano Fiasconaro e Bartolo Musciotto. Il difensore di parte civile – e curatore speciale della 90enne – è invece l’avvocato Marianna Venturella. Il processo proseguirà il 20 giugno.

]]>
http://www.castelbuono.org/anziana-di-90-anni-raggirata-e-violentata-a-castelbuono-il-colpevole-incastrato-da-una-telecamera-nascosta/feed/ 0
Presentazione del volume “La Committenza dei Ventimiglia a Cefalù” di Giuseppe Antista http://www.castelbuono.org/presentazione-del-volume-la-committenza-dei-ventimiglia-a-cefalu-di-giuseppe-antista/ http://www.castelbuono.org/presentazione-del-volume-la-committenza-dei-ventimiglia-a-cefalu-di-giuseppe-antista/#respond Thu, 24 May 2018 09:49:41 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69092 Presentazione del volume “La Committenza dei Ventimiglia a Cefalù” di Giuseppe Antista [Riceviamo e pubblichiamo] Venerdì 25 maggio alle ore 18.00 presso la sala delle capriate del Municipio di Cefalù sarà presentato il volume in oggetto (Edizioni Caracol). L’incontro, organizzato dal Rotary Club di Cefalù, oltre ai saluti istituzionali (Rosario Lapunzina, Sindaco del Comune di Cefalù; Vincenzo Garbo, Assessore alla Cultura del Comune di Cefalù; Giovanni Iuppa, Presidente del Consiglio Comunale […]]]> Presentazione del volume “La Committenza dei Ventimiglia a Cefalù” di Giuseppe Antista

[Riceviamo e pubblichiamo] Venerdì 25 maggio alle ore 18.00 presso la sala delle capriate del Municipio di Cefalù sarà presentato il volume in oggetto (Edizioni Caracol). L’incontro, organizzato dal Rotary Club di Cefalù, oltre ai saluti istituzionali (Rosario Lapunzina, Sindaco del Comune di Cefalù; Vincenzo Garbo, Assessore alla Cultura del Comune di Cefalù; Giovanni Iuppa, Presidente del Consiglio Comunale di Cefalù; Mario Zito, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Palermo; Salvatore Curcio, Presidente del Rotary Club di Cefalù), prevede i seguenti interventi:
– Lina Bellanca, Soprintendente per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo;
– Maria Sofia Di Fede, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Palermo;
– Giuseppe Trombino, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Palermo.
I Ventimiglia, tra i più antichi e influenti casati nobiliari siciliani, furono titolari di una vasta signoria che dall’entroterra di Cefalù si estendeva nel complesso montuoso delle Madonie. Il volume, nato dalla tesi di dottorato di ricerca in Storia dell’architettura dell’autore, ricostruisce il ruolo di questa famiglia di origine ligure come committente in età medievale di importanti opere artistiche e architettoniche nella città di Cefalù. L’analisi degli interventi su edifici emblematici (quali la cattedrale e l’Osterio magno) si allarga alla città e narra una storia avvincente e dagli esiti affatto scontati, che evidenzia, ancora una volta, come la cultura architettonica siciliana sia inserita in una fitta trama di relazioni con altri territori, nel caso specifico la Liguria e la Toscana, e sia capace di esiti aggiornati e del tutto insospettabili. Lo studio del completamento della cattedrale, rimasta incompiuta dall’epoca dei Normanni, evidenzia ad esempio una fase evoluta nella prassi progettuale tramite l’uso del disegno architettonico, aggiornata alle contemporanee esperienze italiane ed europee, che apre a nuove prospettive di ricerca e rimarca l’importanza degli scambi interregionali nell’Europa del tempo.

Presentazione del prof. prof. Dany Sandron (Université Paris IV-Sorbonne – Centre André Chastel)
Il volume indaga la committenza architettonica e artistica nella città di Cefalù da parte dei Ventimiglia, la famiglia aristocratica di origine ligure, protagonista dall’età medievale di larga parte della storia siciliana.

Obiettivo della ricerca è stato, innanzitutto, l’individuazione di una chiave interpretativa rigorosa per una ricostruzione dei processi insediativi, a partire dal riconoscimento delle matrici progettuali che nelle diverse fasi storiche hanno determinato la configurazione dell’impianto urbano. Lo studio della città si è intrecciato, poi, con l’analisi dettagliata degli interventi operati su alcuni edifici, in particolare sulla cattedrale e sulla residenza dell’Osterio magno, finora tracciati a grandi linee e fuori dal quadro complessivo della storia familiare, durante quel periodo, fra la metà del Duecento e la fine del Trecento, in cui i Ventimiglia riuscirono a esercitare un controllo pressoché costante sulla città vescovile e, pertanto, anche a promuovere imprese architettoniche prestigiose. Le indagini si sono sviluppate attraverso una capillare ricognizione delle fonti bibliografiche, approfondite ricerche archivistiche e la revisione critica delle fonti documentarie, che hanno permesso la correzione di alcune forzature fatte proprie dalla tradizione storiografica; inoltre lo studio diretto sui manufatti architettonici, i rilievi, la raccolta e l’esame delle fonti iconografiche
hanno offerto indispensabili strumenti alla riflessione critica. Lo scritto ha permesso di ricostruire il profilo di una storia avvincente e dagli esiti affatto scontati, che ci restituisce, ancora una volta, una scena della cultura architettonica siciliana immersa in una fitta trama di relazioni con altri territori, nel caso specifico la Liguria e la Toscana, e capace di aggiornamenti del tutto insospettabili; per esempio, la possibilità di inserire il completamento della
cattedrale cefaludese nel quadro della nascita del disegno progettuale in Italia apre, in tal senso, prospettive inedite per l’evoluzione degli studi sull’architettura isolana e nazionale nell’età gotica. La ricerca di Giuseppe Antista, condotta con grande rigore scientifico, rinnova profondamente le nostre conoscenze sulla città medievale di Cefalù: è un importante contributo alla storia urbana che sottolinea l’importanza degli scambi interregionali nell’Europa medievale.

]]>
http://www.castelbuono.org/presentazione-del-volume-la-committenza-dei-ventimiglia-a-cefalu-di-giuseppe-antista/feed/ 0
“Scrittori siciliani del ‘900”. Il prossimo appuntamento dedicato a Elio Vittorini http://www.castelbuono.org/scrittori-siciliani-del-900-prossimo-appuntamento-dedicato-a-elio-vittorini/ http://www.castelbuono.org/scrittori-siciliani-del-900-prossimo-appuntamento-dedicato-a-elio-vittorini/#respond Thu, 24 May 2018 09:36:48 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69086 “Scrittori siciliani del ‘900”. Il prossimo appuntamento dedicato a Elio Vittorini [Riceviamo e pubblichiamo] Ancora un appuntamento per il ciclo di incontri sugli “Scrittori siciliani del 900”, organizzato dalla Biblioteca Comunale. Sabato 26 maggio 2018, alle ore 17.30, presso la Sala delle Capriate dell’ex Monastero di S.Venera, sarà presentata l’opera di Elio Vittorini (1908- 1966). Lo scrittore, che svolse un ruolo di primo piano nel panorama […]]]> “Scrittori siciliani del ‘900”. Il prossimo appuntamento dedicato a Elio Vittorini

[Riceviamo e pubblichiamo] Ancora un appuntamento per il ciclo di incontri sugli “Scrittori siciliani del 900”, organizzato dalla Biblioteca Comunale.
Sabato 26 maggio 2018, alle ore 17.30, presso la Sala delle Capriate dell’ex Monastero di S.Venera, sarà presentata l’opera di Elio Vittorini (1908- 1966).
Lo scrittore, che svolse un ruolo di primo piano nel panorama letterario del suo tempo (ricordiamo, tra i suoi romanzi, Il garofano rosso, Conversazione in Sicilia, Uomini e no, Le donne di Messina), fu anche protagonista di tante avventure intellettuali e di generose battaglie per l’affermazione di una “nuova cultura”, attraverso la sua instancabile attività di traduttore, saggista, promotore di iniziative editoriali.
Una vita e un impegno, quelli di Vittorini, che rappresentano una testimonianza di grande valore storico e pedagogico, per la consapevolezza di una crisi e la volontà di uscirne, in una continua tensione e ricerca, al di là degli esiti. Una lezione di serietà, sincerità, fiducia. Specie in questi tempi difficili.
L’incontro è aperto al pubblico. Vi invitiamo a partecipare.
I componenti del Consiglio di Biblioteca

]]>
http://www.castelbuono.org/scrittori-siciliani-del-900-prossimo-appuntamento-dedicato-a-elio-vittorini/feed/ 0
Primo Memorial “Appuntato scelto dell’Arma dei Carabinieri Antonio di Maggio” http://www.castelbuono.org/primo-memorial-appuntato-scelto-dellarma-dei-carabinieri-antonio-di-maggio/ http://www.castelbuono.org/primo-memorial-appuntato-scelto-dellarma-dei-carabinieri-antonio-di-maggio/#respond Thu, 24 May 2018 09:29:24 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69082 Primo Memorial “Appuntato scelto dell’Arma dei Carabinieri Antonio di Maggio” Giovedì 31 Maggio, a partire dalle 17.00, presso lo Stadio Luigi Failla di Castelbuono si terrà il primo Memorial “Appuntato scelto dell’Arma dei Carabinieri Antonio di Maggio”.]]> Primo Memorial “Appuntato scelto dell’Arma dei Carabinieri Antonio di Maggio”

Giovedì 31 Maggio, a partire dalle 17.00, presso lo Stadio Luigi Failla di Castelbuono si terrà il primo Memorial “Appuntato scelto dell’Arma dei Carabinieri Antonio di Maggio”.

]]>
http://www.castelbuono.org/primo-memorial-appuntato-scelto-dellarma-dei-carabinieri-antonio-di-maggio/feed/ 0
Promomadonie a fianco del Comune di Agira per la “2^ Sagra della Cassatella” http://www.castelbuono.org/promomadonie-a-fianco-del-comune-di-agira-per-la-2-sagra-della-cassatella/ http://www.castelbuono.org/promomadonie-a-fianco-del-comune-di-agira-per-la-2-sagra-della-cassatella/#respond Thu, 24 May 2018 08:43:54 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69077 Promomadonie a fianco del Comune di Agira per la “2^ Sagra della Cassatella” [Riceviamo e pubblichiamo] L’Associazione Culturale Promomadonie di Castelbuono sarà nuovamente a fianco dell’Amministrazione Comunale di Agira guidata dal Sindaco On. Maria Greco nell’organizzare la “2^ edizione della Sagra della Cassatella per le vie di Agira”, insieme alla Legaambiente di Agira e alle preziose partnership di Sicilia Outlet Village e Fassa Bortolo. Cambia definitivamente la data dell’evento da ottobre a […]]]> Promomadonie a fianco del Comune di Agira per la “2^ Sagra della Cassatella”

[Riceviamo e pubblichiamo] L’Associazione Culturale Promomadonie di Castelbuono sarà nuovamente a fianco dell’Amministrazione Comunale di Agira guidata dal Sindaco On. Maria Greco nell’organizzare la “2^ edizione della Sagra della Cassatella per le vie di Agira”, insieme alla Legaambiente di Agira e alle preziose partnership di Sicilia Outlet Village e Fassa Bortolo. Cambia definitivamente la data dell’evento da ottobre a maggio, afferma l’Assessore al Turismo Dott. Nicola Cavallaro, ma non la formula vincente che ha segnato il grande successo della scorsa edizione, grazie all’attrattore principale, il dolce tipico agirino a forma di mezzaluna “La Cassatella”.
Anche quest’anno l’Amministrazione Comunale di Agira ha voluto riconfermare la location del quartiere Abbazia, scegliendo due tra i migliori interpreti della canzone internazionale italiana, infatti due grandi concerti gratuiti coroneranno la “2^ edizione della Sagra della Cassatella”, sabato sera sarà la volta di due storici componenti dei POOH reduci dal Festival di Sanremo, il duo Roby Facchinetti e Riccardo Fogli in Insieme Tour , domenica sarà la volta della storica PFM
Premiata Forneria Marconi reduce da una tournee in Argentina e che in passato ha collaborato con Battisti e De Andrè.
Jhonny Lagrua Presidente di Promomadonie: “Molte le aziende presenti provenienti da tutta la Sicilia che offriranno ai visitatori un viaggio attraverso un itinerario del gusto e delle eccellenze agirine e siciliane. Sarà inoltre possibile visitare il centro storico dal grande patrimonio culturale e paesaggistico grazie a dei bus navetta e alla disponibilità degli studenti dei Licei che faranno da “cicerone” ai visitatori.
Il programma prevede concerti, spettacoli musicali itineranti, cortei storici e sbandieratori.”
Programma:

Venerdi 25 maggio 2018
ore 18:00 Inaugurazione e taglio del nastro della “2^ Sagra della Cassatella”
alla presenza delle Autorità militari, civili e religiose
ore 18:30 intrattenimento del Corpo Bandistico Città di Agira
ore 20,30 Spettacolo musicale “Orchestra Spettacolo Romagna Capitale Cover Band Casadei
Quintet”

Sabato 26 maggio
degustazioni prodotti tipici presso la zona FOOD
ore 11:00 e ore 17:00 Sfilata del Gruppo Folk “Fajiddi” di Enna

ore 21:00 L.go Fiera e Piazza Europa
ROBY FACCHINETTI e RICCARDO FOGLI INSIEME TOUR
domenica 27 maggio 2018
degustazioni prodotti tipici presso la zona FOOD
16:00 Corteo Storico Medievale lungo le vie della Città
ore 20:30 L.go Fiera e Piazza Europa
P F M Premiata Forneria Marconi in concerto

N.B.: Il programma potrebbe subire delle variazioni.
Info: www.promomadonie.it mail: sagradellacassatella@promomadonie.it
tel. +39 0921.673856 – +39 329.4919281

]]>
http://www.castelbuono.org/promomadonie-a-fianco-del-comune-di-agira-per-la-2-sagra-della-cassatella/feed/ 0
“La Maga Circe”. Donazione dell’opera di Ignazio Moncada alla collezione del Museo Civico di Castelbuono http://www.castelbuono.org/la-maga-circe-donazione-dellopera-di-ignazio-moncada-alla-collezione-del-museo-civico-di-castelbuono/ http://www.castelbuono.org/la-maga-circe-donazione-dellopera-di-ignazio-moncada-alla-collezione-del-museo-civico-di-castelbuono/#respond Thu, 24 May 2018 08:36:47 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69074 “La Maga Circe”. Donazione dell’opera di Ignazio Moncada alla collezione del Museo Civico di Castelbuono [Riceviamo e pubblichiamo] Domenica 27 maggio 2018 alle ore 12.00, con una conferenza dello storico dell’arte Sergio Troisi, il Museo Civico di Castelbuono è lieto di presentare al pubblico la donazione di un’opera del maestro Ignazio Moncada (Palermo, 1932 – Milano, 2012), La Maga Circe, da parte dell’Archivio Ignazio Moncada di Milano alla collezione permanente […]]]> “La Maga Circe”. Donazione dell’opera di Ignazio Moncada alla collezione del Museo Civico di Castelbuono

[Riceviamo e pubblichiamo] Domenica 27 maggio 2018 alle ore 12.00, con una conferenza dello storico dell’arte Sergio Troisi, il Museo Civico di Castelbuono è lieto di presentare al pubblico la donazione di un’opera del maestro Ignazio Moncada (Palermo, 1932 – Milano, 2012), La Maga Circe, da parte dell’Archivio Ignazio Moncada di Milano alla collezione permanente del museo. Questa donazione è parte di un progetto più ampio dal titolo, “Ignazio Moncada. Attraverso Palermo” realizzato dall’Archivio Ignazio Moncada su iniziativa di Ruggero Moncada di Paternò, figlio dell’artista, in collaborazione con la Fondazione Sicilia, il Museo Guttuso di Bagheria e il Museo Civico di Castelbuono. La Maga Circe, opera realizzata nel 2002 e inserita nel percorso della collezione permanente del museo, collega l’istituzione castelbuonese all’interno di un itinerario articolato tra Palermo, con il soffitto della Biblioteca di Palazzo Branciforte, Bagheria, con un’installazione al Museo Guttuso (Villa Cattolica) e l’apertura straordinaria della “Stanza dell’Irrequieto” (1995) a Villa Trabia. Un percorso che trova il suo culmine nella mostra monografica che verrà inaugurata al Convento del Carmine di Marsala dal titolo, “Ignazio Moncada. Attraverso il colore (23 giugno – 4 novembre 2018), a cura di Sergio Troisi.

La Maga Circe è una rivisitazione ideale legata al mito mediterraneo della maga che accoglie e ammalia Ulisse sull’isola di Eea, nel canto dell’Odissea omerica. Il dipinto è espressione della ricerca che Ignazio Moncada intraprende a partire dalla fine degli anni Novanta, quando la pratica pittorica assume una forza evocativa nuova e cromaticamente intensa, disegnando partiture astratte di grandi dimensioni. Segni di natura organica e ampie campiture di colore sono risultato dell’adozione di un registro linguistico fluido che definisce una spazialità inedita sulla superficie del quadro: una sorta di “campo di forze” su cui l’artista orchestra liberamente forme e colori, scardinando l’impostazione geometrica delle opere precedenti, aprendosi ad una dimensione magica e intrinsecamente complessa. Durante le lunghe e produttive stagioni della sua carriera artistica, seppure lontano dalla Sicilia, Moncada non ha mai abbandonato la passione per i colori caldi, che nell’opera La Maga Circe incontrano la fascinazione verso la storia e il mito greco. Su tale dimensione immaginifica, fatta di spirali, nastri bicolore, serpentine, cerchi, accostati ad elementi fitomorfi, l’artista ci offre la sua rinnovata, poetica visione mediterranea.

Il progetto “Ignazio Moncada. Attraverso Palermo” è inserito all’interno del programma Palermo Capitale della Cultura 2018 ed è un Evento Collaterale di Manifesta12, Biennale Europea di Arte Contemporanea.

Il Museo Civico di Castelbuono ringrazia i partner per il prezioso sostegno alle attività culturali: Azienda Fiasconaro, Fecarotta Antichità, Grand Hotel et Des Palmes, The Hotel Sphere, Palermo, Paradiso delle Madonie, Castelbuono, Villa Catalfamo, Cefalù e l’Azienda vinicola Fondo Antico, Marsala.

Mostra collettiva in corso al Museo Civico di Castelbuono, Same same but different, a cura di Laura Barreca, Christiane Rekade con gli artisti Claudia Barcheri, Ingrid Hora, Loredana Longo, Cristian Martinelli, Ignazio Mortellaro e Studio ++ (fino al 22 luglio 2018).

Museo Civico di Castelbuono
Castello dei Ventimiglia, Piazza Castello
90013 Castelbuono (PA)
T. +39 0921671211 | T. e F. +39 0921677126
info@museocivico.eu

www.museocivico.eu

]]>
http://www.castelbuono.org/la-maga-circe-donazione-dellopera-di-ignazio-moncada-alla-collezione-del-museo-civico-di-castelbuono/feed/ 0
L’Accademia dei Curiosi presenta “La Talea curiosa” a cura di Giovanna Butticè http://www.castelbuono.org/laccademia-dei-curiosi-presenta-la-talea-curiosa-a-cura-di-giovanna-buttice/ http://www.castelbuono.org/laccademia-dei-curiosi-presenta-la-talea-curiosa-a-cura-di-giovanna-buttice/#respond Thu, 24 May 2018 08:30:09 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69070 L’Accademia dei Curiosi presenta “La Talea curiosa” a cura di Giovanna Butticè [Riceviamo e pubblichiamo] Per voi che non temete una vita piena di “spine”, che amate “sporcarvi le mani”e che invece di affilare le unghie preferite affilare le lame delle vostre cesoie! Per voi che durante le vostre passeggiate, con fare furtivo, “rubate” talee di piante grasse quando trovate un esemplare che manca alla vostra collezione e che, soprattutto, giustificate il tutto […]]]> L’Accademia dei Curiosi presenta “La Talea curiosa” a cura di Giovanna Butticè

[Riceviamo e pubblichiamo] Per voi che non temete una vita piena di “spine”, che amate “sporcarvi le mani”e che invece di affilare le unghie preferite affilare le lame delle vostre cesoie! Per voi che durante le vostre passeggiate, con fare furtivo, “rubate” talee di piante grasse quando trovate un esemplare che manca alla vostra collezione e che, soprattutto, giustificate il tutto dicendovi che lo fate per la conservazione e propagazione della specie! Ma anche per voi a cui viene universalmente riconosciuto il fatidico “pollice nero”!
Ecco proprio per voi L’Accademia dei Curiosi ha pensato di dedicare il pomeriggio del prossimo sabato, 26 Maggio, ad un incontro tra appassionati di piante grasse: crassule, cactacee, succulente ecc. invitando i partecipanti a portare
con sé le talee delle proprie piante per scambiarle con quelle appartenenti a specie che mancano alla loro
collezione. L’idea dell’evento è di Giovanna Butticè che vi proporrà alcune idee per realizzare delle composizioni in vaso
anche utilizzando contenitori di riciclo. Dalle 17.00 alle 20.00, quindi,avremo modo di scambiarci oltre che le talee anche esperienze e consigli e durante l’incontro avremo anche la presenza del Dott. Arturo Genduso che ci aiuterà a conoscere meglio il mondo di queste piante così affascinanti e in fondo molto facili da coltivare.

]]>
http://www.castelbuono.org/laccademia-dei-curiosi-presenta-la-talea-curiosa-a-cura-di-giovanna-buttice/feed/ 0
Giornate di studio sul patrimonio, mecenatismo, restauri. L’auspicata inversione di rotta http://www.castelbuono.org/giornate-di-studio-sul-patrimonio-mecenatismo-restauri-lauspicata-inversione-di-rotta/ http://www.castelbuono.org/giornate-di-studio-sul-patrimonio-mecenatismo-restauri-lauspicata-inversione-di-rotta/#respond Wed, 23 May 2018 10:13:55 +0000 http://www.castelbuono.org/?p=69011 Giornate di studio sul patrimonio, mecenatismo, restauri. L’auspicata inversione di rotta [dal periodico Le Madonie] Sabato 22 aprile 2018, nella Sala del Principe del nostro castello, il Museo Civico di Castelbuono ha organizzato la “Giornata di studio sui Patrimoni della Collettività – conservazione, manutenzione, sfide”, ideata da Laura Barreca, direttore del Museo, e Camilla Mazzola, restauratrice e membro direttivo IGIIC. L’interessante mattinata si proponeva di affrontare […]]]> Giornate di studio sul patrimonio, mecenatismo, restauri. L’auspicata inversione di rotta
[dal periodico Le Madonie] Sabato 22 aprile 2018, nella Sala del Principe del nostro castello, il Museo Civico di Castelbuono ha organizzato la “Giornata di studio sui Patrimoni della Collettività – conservazione, manutenzione, sfide”, ideata da Laura Barreca, direttore del Museo, e Camilla Mazzola, restauratrice e membro direttivo IGIIC. L’interessante mattinata si proponeva di affrontare le questioni relative allo “stato di salute” dei beni artistici e architettonici appartenenti alla comunità, offrendo la partecipazione ai lavori di autentici esperti in materia di restauro. Straordinaria, ad esempio, la presenza in sala di Pinin Brambilla Barcillon, autrice del restauro del Cenacolo di Leonardo da Vinci a Santa Maria delle Grazie a Milano, a cui è dedicato il lavoro video degli artisti MASBEDO, allestito nelle sale temporanee del Museo e anch’essi intervenuti nel dibattito.
Una mattinata preziosa, ricca di spunti e testimonianze esemplari, che ha fatto magnificamente da cornice ad un approfondimento sul recente restauro dell’Assunzione della Vergine – ad opera di Enzo e Angela Sottile – e all’annuncio ufficiale di una nuova sponsorizzazione dell’azienda Fiasconaro, evidentemente entusiasta dell’esperienza da mecenate, da destinare stavolta al restauro di parti e stucchi della Cappella Palatina. 
La qualità degli interventi e delle riflessioni emerse avrebbero meritato una trattazione più ampia, con un ritorno pomeridiano quantomeno sui temi e le emergenze del territorio, riservando spazio al dibattito e ad una esplicita chiamata all’impegno da parte della politica. In realtà registriamo con favore l’impegno assunto dal sindaco Mario Cicero, nei saluti iniziali, di tornare a destinare annualmente l’1% del gettito IMU al restauro di parti del nostro patrimonio locale, pratica meritoria già avviata dallo stesso nel quinquennio 2007-2012, e poi – purtroppo – interrotta dalla successiva amministrazione comunale ed evidentemente non sollecitata con la dovuta perentorietà anche dalle amministrazioni museali.
Se è da registrare con grande soddisfazione questa giornata sul tema, c’è infatti da auspicare anche che segni un’inversione di rotta. Ritengo utile a tutti non tacere del sostanziale disimpegno sulle materie della conservazione del patrimonio storico-artistico castelbuonese degli ultimi anni, in cui poco è stato fatto in termini di manutenzione ordinaria e straordinaria e, ancora meno, è stato avviato di nuovo nella direzione del recupero monumentale e della salvaguardia. Ottenuto il recupero del polo di San Francesco – che comunque rappresenta il compimento di un iter non recente e per il quale sarebbe da sollevare un dibattito diverso sulla reale fruizione e valorizzazione – non mi sovviene altro.
Se si fosse aperto il dibattito avrei proposto all’istituzione museale di dedicare un appuntamento annuo in cui censire e condividere lo stato di degrado di alcuni beni del territorio, indicando l’opportuna gerarchia di urgenze e chiamando la collettività, pubblica e privata, ad un impegno diretto. Al Museo il compito anche di suggerire le opportunità offerte dalla legislazione in materia – ad esempio le detrazioni normate dall’ “Art Bonus” – e di ideare una strategia premiante, in termini di visibilità, per nuovi sponsor-mecenati. 
Tanti, incluso chi scrive, non si tirerebbero indietro.

In un elaborato dell’arch. Chiara Alessandro, il Giardino Grande dei Ventimiglia di contrada Marchese, ancora oggi leggibile nell’ortofoto grazie ai muri perimetrali dei tre quadrati residui.

Già il solo porre l’attenzione, monitorare e sensibilizzare su larga scala, contribuirebbe alla salvaguardia: il degrado è innanzitutto conseguenza di un abbandono cognitivo. Dopo cinquecento anni, rischiamo oggi di disperdere la leggibilità del Giardino dei Ventimiglia, visto che parte del muro perimetrale, proprio in queste settimane, è stato rinnovato dal legittimo proprietario (non so quanto legittimamente…). L’abbazia di Santa Maria del Parto, l’ex “Romitaggio”, sta lì – non fruita e inerme – e senza idee e progetti il destino appare segnato. Lo stesso per la Chiesa dell’Annunziata in piazza Castello o per le statue della Fontana Venere Ciprea, per citare i soli casi più evidenti ed eclatanti. Senza spingersi all’opportunità di una conservazione preventiva, sollevata nell’intervento di Enzo Sottile, casistica che dovrebbe includere lo stesso Castello.

Per non parlare dell’ambizione ad immaginare una piazza Castello viva e curata, innanzitutto con un recupero del cine-teatro che abbia come priorità la diminuzione dei volumi invasivi e “l’impatto” con il dintorno; l’ascensore interno al Castello, per una fruizione potenzialmente di tutti, opportunamente richiamata nel saluto della presidente Sottile, o l’antica Cappella di sant’Anna, splendida “anomalia” che darebbe corpo ad una più corretta narrazione sull’evoluzione del maniero, ed ulteriore singolarità e bellezza.
In più interventi è stato richiamato l’impegno dell’amministrazione museale da me presieduta dieci anni fa, che si inaugurava con l’intelligente “pugno nello stomaco” della mostra “L’arte sVelata”, lasciata come ideale passaggio di testimone dal precedente CdA presieduto dal prof. Angelo Ciolino. Adeguatamente sensibilizzati, accettammo quella sfida e decidemmo di condividerla con l’intera comunità, dapprima con la due giorni del convegno “Svelare l’arte, come” e poi avviando una politica di recupero sistematico, ogni anno, anche grazie alla determinazione del direttore Scancarello, coinvolgendo tutti gli interlocutori sensibili. Colgo l’occasione per ringraziare finalmente pubblicamente l’azienda Fiasconaro, che già allora scelse di destinare un’importante somma per il restauro del portale lapideo dei Serpotta d’ingresso alla Cappella, chiedendoci di non pubblicizzare tale sostegno. 
Il Museo proseguì ridando vita allo splendido portone ligneo con propri fondi, e con l’integrazione di quelli “strappati” all’impegno comunale in sede di convegno (a proposito: curioso notare che la moderatrice di allora, Rosa Maria Di Giorgi, sia stata la prima firmataria proprio di quell’Art Bonus di cui sopra), la pulitura dell’intero patrimonio ligneo del Museo e finalmente con il recupero completo di quel corpus pittorico della Chiesa dell’Annunziata “velato”, chiudendo idealmente il cerchio e mantenendo un impegno innanzitutto simbolico ma di per sé ben insito nella missione dell’istituzione e nel significato stesso della “continuità”. 
Credo che oggi i tempi siano maturi, e la dirigenza museale sia la più congeniale possibile, per attuare una nuova stagione di recupero e valorizzazione che, con il contributo di tutti e sullo slancio dell’esempio offertoci dai Fiasconaro, possa esaltare i caratteri identitari e costituire un caso praticamente unico, positivo ed esemplare, in una Sicilia generalmente disattenta e sciatta.  
 
Michele Spallino
]]>
http://www.castelbuono.org/giornate-di-studio-sul-patrimonio-mecenatismo-restauri-lauspicata-inversione-di-rotta/feed/ 0