Freddo nelle scuole. Le proteste degli studenti anche al Liceo L.F.Tedaldi

[Riceviamo e pubblichiamo] Come ogni anno si ripresenta il problema del freddo nelle scuole e come ogni anno diversi istituti della provincia di Palermo lamentano la mancanza di fondi o strutture adeguate a garantire il normale svolgimento delle lezioni.

Alcuni esempi sono quelli del Liceo Francesco Scaduto di Bagheria dove manca il certificato di prima accensione e quindi non possono essere utilizzati, il Liceo Scientifico Galileo Galilei di Palermo dove, dal rientro dalle vacanze, i riscaldamenti sono stati accesi solo per tre ore su sei, il Liceo Failla Tedaldi di Castelbuono a cui non sono stati assegnati i fondi per il gasolio e dove gli studenti scioperano da due giorni e l’ITET Marco Polo di Palermo dove l’impianto non può essere acceso non essendo messo a norma.

“La Rete degli Studenti Medi, il sindacato studentesco, è in prima linea in questa battaglia, è inaccettabile che le istituzioni non rivolgano un’attenzione particolare a situazioni del genere, in alcune scuole la temperatura nelle aule è arrivata addirittura a 6°, quando il minimo previsto per legge è 20°” dichiara Marta Sabatino dell’esecutivo provinciale della Rete degli Studenti Medi Palermo, “chiediamo al Sindaco della Città Metropolitana di ricevere al più presto i rappresentanti degli studenti ed invitiamo i Dirigenti Scolastici a farsi garanti delle nostre istanze ed accompagnarci in questo percorso rivendicativo”