I panettoni Fiasconaro a Milano divetano “terapia” per il mal di gola

By on 1 febbraio 2017

[palermotoday] Faringiti e raffreddori sono i mali di stagione. A Milano, la saggezza popolare suggerisce un rimedio: sbocconcellare una fetta di panettone il 3 febbraio e appellarsi con fiducia a San Biagio, che del giorn è il protettore. “San Bias benediss la gola e el nas” recita infatti un antico detto proverbiale. E puntuali per l’occasione, direttamente dalla Sicilia sono arrivati nel capoluogo lombardo tanti profumatissimi panettoni firmati dal maestro pasticcere di Castlebuono Nicola Fiasconaro da distribuire nei centri d’accoglienza per i profughi e di assistenza per i più bisognosi, come ad esempio Casa Jannacci e i Centri Diurni per Disabili (CDD).

Il tutto, grazie a una partnership ormai consolidata nel tempo fra l’assessorato alle Politiche Sociali del Comune e l’azienda dolciaria Fiasconaro che fornisce gratuitamente i propri prodotti per rallegrare gli eventi organizzati in favore della cittadinanza e allietare gli ospiti delle strutture di pubblica utilità.

“È sempre un piacere collaborare con l’assessorato guidato da Pierfrancesco Majorino. Il desiderio è quello di regalare a chi magari vive una situazione di disagio e di difficoltà un po’ di dolcezza tutta siciliana. Speriamo davvero che San Biagio riesca a rendere i nostri panettoni anche un po’ terapeutici”, sottolinea col sorriso Nicola Fiasconaro che tanti milanesi, anche i più gourmand, hanno ormai imparato a conoscere e ad apprezzare.

La tradizione popolare narra infatti che Biagio di Sebaste, medico armeno e vescovo cattolico del III secolo d.C., salvò la vita di un bambino facendogli ingoiare una mollica di pane che rimosse dalla sua gola la lisca di pesce che aveva ingoiato e che lo stava facendo soffocare. Il medico morì poi martire il 3 febbraio di qualche anno dopo e la Chiesa, successivamente, lo fece Santo dedicandogli quel giorno. A questo episodio si intreccia un aneddoto accaduto a Milano secoli dopo quando una massaia, nel periodo natalizio, portò a un frate un panettone da benedire. Il frate le disse di ripassare più avanti ma nei giorni a seguire, non resistendo alla tentazione, si mangiò l’intero panettone. Quando la donna tornò (era proprio il 3 febbraio) il frate era sul punto di confessare la verità ma, con sollievo, si accorse che nell’involucro vuoto del panettone ne era ‘miracolosamente’ comparso un altro al suo posto. Da allora a Milano, il giorno di San Biagio, protettore della gola, è tradizione mangiare una fetta di panettone.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close