I vertici dell’Ncd a Scillato dopo la chiusura della A19. Capuana: “Encomiabile la reazione dei cittadini”

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Domenica mattina i vertici regionali e nazionali del Nuovo centrodestra sono stati a Scillato per esprimere solidarietà ai cittadini di quel territorio. Il disagio è scaturito dopo la caduta della sp 24 e l’ulteriore chiusura al transito dell’autostrada A19 tratto Palermo-Catania, a causa di un cedimento di un pilone posto sul fiume Imera.

Erano presenti il sen. Renato Schifani, presidente emerito del Senato, l’on. Pietro Alongi, componente della Commissione attività produttive all’Ars, e Fabio Capuana, vicepresidente del Consiglio comunale di Castelbuono. Questi hanno potuto constatare come la comunità di Scillato e in particolare quella di Caltavuturo abbiano reagito, al punto che due imprese edili locali, facendosi carico di gran parte dei costi, si stanno prodigando per rimettere in servizio una regia trazzera. Inoltre alcuni amministratori locali hanno chiesto al capogruppo di Area popolare Schifani di rappresentare al Governo nazionale le esigenze di protezione civile e le problematiche relative alla sanità dei comuni di Scillato e Caltavuturo, attualmente isolati dai più vicini nosocomi.

“E’ encomiabile – afferma Capuana – la reazione dei cittadini di questo territorio. Sistemare questa vecchia strada significa non solo assicurare collegamenti rapidi tra i vari centri, ma anche aprire questa infrastruttura al turismo, all’economia agricola, agli eventi sportivi di richiamo. Ecco, il pilone che si piega deve costituire l’occasione per rialzare i nostri territori e il loro protagonismo”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.