Il castelbuonese Luigi Carollo rapinato da un giovane conosciuto sul web

By on 7 maggio 2018

[palermo.repubblica.it] Lo aveva conosciuto su una chat di incontri gay l’anno scorso. Poi si erano persi di vista dopo alcuni rapporti. Venerdì Luigi Carollo, portavoce del Palermo Pride e portavoce di Sinistra Comune, è stato rapinato in casa sua, in via San Basilio al centro storico, con una pistola puntata in faccia. E a farlo è stato quell’uomo che aveva conosciuto in chat.
“Non dimenticherò mai quella scena, quella pistola puntata addosso a me – racconta Luigi Carollo – e forse quest’uomo credeva che mi sarei vergognato e non avrei denunciato. Si sbagliava”.

Il rapinatore ha portato via da casa di Carollo 70 euro e il bancomat con il pin che ha trovato nel portafogli. “Mi ha detto che aveva debiti, sembrava confuso. Io ho aperto la porta perché credevo che fosse il vicino”, racconta ancora la vittima. Luigi Carollo ha denunciato il rapinatore fornendo nome e cognome alla squadra mobile. “Non ho nulla di cui vergognarmi e mi è dispiaciuto
apprendere in queste ore che tanti altri uomini hanno subito il mio stesso trattamento e per paura dei pregiudizi non hanno denunciato”, dice Luigi Carollo. Gli investigatori della Mobile sono al lavoro per rintracciare il responsabile. Carollo ha anche voluto raccontare la sua esperienza su Facebook ringraziando i poliziotti. “Nessuno è stato morboso nei miei confronti e nessuno ha avuto un atteggiamento discriminatorio, è la prova che qualcosa sta cambiando”.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi