“Il giornalista coraggioso.”

By on 19 aprile 2013
1-gatti-autor1-36a9f77fc87ea

Fare il giornalista è un gran bel mestiere. Purtroppo non è il mio. E’ bello perché può essere davvero di grandissima utilità per tutti. Ma il giornalista si può fare in tanti modi, tra tutti quello che preferisco è il giornalismo d’inchiesta. Roba da gente coraggiosa. Si tratta di 1uel tipo di giornalismo che in Italia fanno i nostri compaesani Lirio e Carmelo Abbate o anche, per esempio, Fabrizio Gatti. Quest’ultimo, ricorderete, tempo fa si è intrufolato in un CIE per documentare cosa succede in questi veri e propri campi di detenzione, in cui sarebbe vietato l’ingresso ai giornalisti, e un’altra volta anche in una carovana che traversava il deserto e poi il Mediterraneo per portare migranti africani in Italia. Ultimamente Gatti ha intervistato il vicepresidente di Confindustria della provincia di Monza e Brianza, a proposito dei suoi affarti con la Lega Nord e la camorra. E’ stato da questi sequestrato e trattenuto per un’ora e mezza, subendo minacce di morte. Tutto questo per amore della verità. Amore che arriva a tal punto da rischiare la propria pelle, sia che si abbia di fronte un colletto bianco in affari sporchi, un soldato col fucile o un ricettatore armato. Sotto trovate il link al video che documenta ciò che è successo a Gatti. A lui va tutta la mia stima.

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/giornalista-io-ti-ammazzo/2204978

?Oltre Fiumara ? Rubrica settimanale che apre uno spiraglio tra le cinta murarie del borgo, per far passare qualche notizia fuori dal comune.?

A proposito di aneurisma

Ventisettenne laureato in Ingegneria Gestionale, musicista amatoriale, è un abituale frequentatore del blog con lo pseudonimo Aneurisma e cura la rubrica settimanale OltreFiumara con cui ha la pretesa di ?castelbuonesizzare? tutto ciò che avviene oltre le cinta murarie.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento