Cultura a go go.

By on 25 novembre 2006

La cultura va e viene. Al Villaggio è difficile che sedimenti.
Venerdì. La cultura viene. Si assiste al ritorno delle masse istruite. Palermo, Catania, Messina sono i principali centri di fuga. Perché di fuga si tratta. La città opprime. La città è frenetica. La città è invivibile. Il Villaggio è…il Villaggio.
Ma la città ci dà il pane. Il Villaggio ci dà la testa di turco.
E’ un dolce ritorno. Breve ma intenso. Un ritorno che ha il sapore di una riconciliazione col vissuto più caro. Gli affetti ma anche gli affettati.
Mi chiedo, vi chiedo, ma di questa cultura che va e viene cosa resta al Villaggio? Solo panni sporchi. D’altronde i panni sporchi si lavano in famiglia. E la famiglia è al Villaggio.
Dove voglio arrivare? Eccoci al dunque.
Dunque. Castelbuono si appresta ad eleggere il proprio sindaco. Il primo cittadino. Mi chiedo, vi chiedo: In cosa consisterà il contributo delle “masse istruite” al dibattito pre e post elettorale?
Avvocati, ingegneri, architetti, storici, geologi, psicologi, naturalisti, fisici, matematici, letterati e comunicatori. Ce ne sono a decine. Tutti villeggianti. E se ognuno potesse contribuire, per quel che gli compete, allo sviluppo del programma? Fantapolitica, lo so. La politica, si sa, non è fatta per tecnici, specialisti ed esperti. Semmai, il politico è esperto di politica. Parla e ascolta il politichese. Tutti questi villeggianti non parlano né capiscono questo linguaggio, sono disaffezionati, apatici, eversivi e così si tagliano fuori. O vengono tagliati fuori?
Siccome sono giovani si potrebbe pensare, per generalizzazione, che se ne fregano altamente degli affari politici. Penso invece che poco si faccia per stimolarli in un dibattito critico, costruttivo. Che sarà per la paura di essere scalzati? Paura di mostrare la propria “deficienza”? Tra un po’ inizierà il valzer delle liste e col nuovo sistema elettorale sarà una bella musica. Staremo a vedere questi saggi consiglieri.
Lunedì. La cultura va. E se la “diaspora delle menti” portasse all’elezione dello Scemo del Villaggio?

A proposito di Luca Di Garbo

Un commento

  1. un castelbuono fans

    23 febbraio 2007 at 17:43

    la cultura è anche nel villaggio… e non sono solo gli universitari a portarla… ricorda che c’è forse più cultura nel “villaggio” che su un bel fascicolone teorico… non buttiamo a terra tutti coloro che vivono nel villaggio e del villaggio.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi