Insediamento nuovo vescovo di Palermo. I volontari di protezione civile di Castelbuono impegnati ad accogliere i fedeli

[riceviamo e pubblichiamo] I volontari di protezione civile della sezione operativa di Castelbuono della P.A. U.G.E.S. S.O.S. Palermo, insieme alle Pubbliche OPCLE ALI e SAN GIUSEPPE ONLUS sono impegnati, sin da stamane a Palermo per la nomina del nuovo Vescovo monsignor Lorefice.

In collaborazione con la Curia gestiscono il servizio di accoglienza dei fedeli provenienti da tutta la Sicilia con maggiore attenzione ai disabili a cui è data assistenza con 2 pulmini con pedana mobile, il servizio di primo soccorso con 2 ambulanze di rianimazione e di sicurezza in supporto alle forze dell’ordine.

L’evento religioso, unico nel suo genere ha richiamato circa 2000 fedeli con 40 pullman. È infatti la prima volta che ad assumere la guida della diocesi di Palermo sia un semplice parroco. Una scelta, quella di Papa Francesco, che gli osservatori hanno definito di rottura: non un diplomatico, non un vescovo che ha fatto esperienza in sedi minori, non un nome quotato ma un Carneade in piena regola, un sacerdote di 53 anni della diocesi di Noto.

Corrado Lorefice è un semplice parroco, relativamente giovane, insegnante di morale e vicino alla gente, che conosce, anche se a distanza, la realtà palermitana per aver scritto un libro su don Pino Puglisi, vicino agli emarginati della società e agli ammalati. Una sfida ardua, quella che lo attende: Palermo è una diocesi grande, un territorio spesso difficile, in cui il nuovo prelato dovrà confrontarsi con le sfide della multiculturalità, della famiglia, della povertà, di una chiesa in cammino in un mondo che cambia, del rapporto a volte deviato tra fede e criminalità. Un impegno reso ancor più arduo dal fatto di non avere accanto un ausiliario ancora da nominare; Romeo invece sarà amministratore apostolico e poi tornerà ad Acireale, ricordando il caloroso applauso ricevuto oggi in Curia alla presenza di Cuttitta e del vescovo emerito di Monreale Di Gristina.
3

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.