“La bella estate”. Massimiliano Città scrive ai cittadini per ricordare il rispetto dovuto a chi si muove con difficoltà

By on 5 luglio 2018

[Riceviamo e pubblichiamo] Cara comunità, spero di non annoiarti con queste poche righe ma sentivo di doverle scrivere.
Da poco è iniziata la bella stagione che a Castelbuono abbiamo il piacere di vivere nella ricchezza di manifestazioni sportive e culturali. È diritto di tutti poterne godere appieno la bellezza. E per farlo basta poco. Non ti starò a tediare tirando fuori articoli del codice della strada che sanzionano penalmente chi parcheggia negli stalli riservati ai disabili, non è questo il punto. La questione riguarda il rispetto che è dovuto a chi si muove con difficoltà. Pertanto ti invito a segnalare a chi è predisposto al controllo delle norme – per il bene di tutti – coloro i quali, in maniera incivile e distante dall’anima gentile di Castelbuono, esibiscono pass di nonne allettate da secoli per andare a passeggio per il corso o affrontare lunghe e impegnative serate lavorative. Ti invito a segnalare chi abusa di un diritto e se ne fa privilegio. Studi scientifici seri affermano che fare qualche passo in più allunga la vita, così come fare qualche passo in meno, per chi lo percorre nella fatica e nel dolore, avvicina di più ad una piena vita di relazioni sociali.
Con l’augurio che questa possa essere una bella estate per tutti,

Massimiliano Città

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

2 Comments

  1. Marcello Castiglia

    5 luglio 2018 at 20:00

    Caro Massimiliano, la mia personale solidarietà si perde ormai nella memoria, ma proprio la sfortunata disavventura che mi ha visto costretto, sino a qualche giorno fa, a deambulare sulla sedia, mi ha fatto ulteriormente riflettere! A parte il fatto che ho constatato “di pirsona pirsonalmenti” lo stato a dir poco pietoso di tutte, e dico TUTTE, le nostre principali arterie urbane, ( mi muovo molto spesso in bici, ma è tutta un’altra storia), inviterei, e non è semplicemente una provocazione, TUTTI a fare un “giretto” su di una sedia a rotelle per verificare quanto scrivo. Qui non si parla di “barriere architettoniche”, ma soltanto di vera e propria INSENSIBILITA’ E MANCANZA DI RISPETTO di chi regolarmente occupa i parcheggi riservati, oppure le zone di marciapiede preposte a “scivolo”, o ancora il portone di casa, o peggio ancora quanto scrivi Tu! Mi dispiace, da semplice cittadino, auspico una reale presa di coscienza, ed auguro a tutti una bella Estate che sia VERAMENTE per…TUTTI!

  2. Massimiliano Città

    5 luglio 2018 at 20:24

    D’accordo, purtroppo, con tutto ciò che affermi. È davvero desolante dover constatare per molti che l’esperienza personale di un disagio momentaneo apra una prospettiva diversa mettendo in evidenza le difficoltà quotidiane di chi si muove in carrozzina. La morfologia problematica del territorio castelbuonese non è imputabile a nessuno, però tutti, chi amministra insieme ai cittadini, devono concorrere ad una migliore vivibilità del nostro paese. Non chiediamo miracoli ma semplicemente il rispetto delle norme civili e di comportamento. Un abbraccio.
    Massimiliano Città

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi