LA C.N.A. incontra Allegra Candidato Sindaco della lista “Svolta popolare per Castelbuono”

By on 15 marzo 2017

[riceviamo e pubblichiamo] Prosegue il lavoro dei vari schieramenti politici in vista delle Amministrative che si terranno a Castelbuono nella prima decade di giugno. Il piano di incontri tra la C.N.A. ed i candidati alla carica di primo cittadino,  questa volta prosegue con Vincenzo Allegra, medico veterinario  e  candidato Sindaco del Movimento “SVOLTA POPOLARE PER CASTELBUONO”.  Le delegazioni si sono incontrate nel tardi pomeriggio di martedì 14 marzo e, com’è oramai consuetudine,  abbiamo voluto immortalare tale momento con una foto da condividere con l’opinione pubblica, non fosse altro per portare a conoscenza dei nostri cittadini vicini e lontani,  talune problematiche  che sono alla base del programma elettorale dei vari schieramenti politici.

Di seguito vogliamo sintetizzare gli aspetti che hanno caratterizzato tale incontro:

  • Il Movimento “Svolta Popolare per Castelbuono” nasce per dare voce alle istanze provenienti da strati della popolazione che hanno perso il lavoro negli ultimi anni, di  quelle imprese che hanno dovuto chiudere per la grossa crisi che si è abbattuta nel mondo artigiano e delle piccole imprese, all’esodo della popolazione, principalmente le fasce giovanili, verso il Nord e verso l’estero. Dai dati enunciati dal candidato Allegra, si parla di oltre 600 cittadini che hanno trasferito la propria residenza fuori dal nostro comune;
  • Approvazione dello Studio agricolo – forestale per consentire lo sbocco delle zone CT1, nel pieno rispetto delle problematiche ambientali. La caduta occupazionale nel comparto artigiano e nell’indotto  è sotto gli occhi di tutti. Una presenza attiva dei futuri amministratori nei vari Assessorati Regionali dovrebbe essere la regola principale per evitare uno scollamento tra le aspettative delle categoria produttive e dei vari uffici comunali,imbrigliati in disquisizioni lente e prive di vedute innovative su un territorio oramai  mummificato . Un cittadino proprietario di un lotto minimo di terreno in zona CT1 non può rincorrere all’infinito il proprio diritto di costruire la propria abitazione in presenza di una tassazione IMU/TASI, non lo scordiamo del 10,60 per mille (tra le più alte d’Italia)!
  • AREA Artigianale di Contrada Piano Marchese: ci si augura che vengano assegnati al più presto alle aziende che hanno fatto richiesta quelle aree e  quei capannoni senza “impantanarsi” in cavilli burocratici  ed amministrativi che vanificherebbero lo sforzo delle nostre aziende di collocarsi in una zona strategica in un  momento di grosse difficoltà economiche. Il cancro da estirpare nella nostra società è oramai la burocrazia. I danni che vengono arrecati al tessuto produttivo ed occupazionale dalla insipienza dei burocrati delle varie macchine amministrative, a tutti i livelli, è sotto gli occhi di tutti. Se a tutto ciò aggiungiamo coloro che hanno fatto carriera sotto l’egida del perbenismo dell’antimafia, dei professionisti dell’antimafia, per dirla con Leonardo Sciascia, il quadro è completo.
  • CENTRO STORICO ED ARTIGIANATO: un’attenzione particolare viene espressa dal Candidato Vincenzo Allegra alla “creazione” di un VILLAGGIO ARTIGIANALE  nell’ambito di un quartiere del nostro centro storico attraverso la creazione di botteghe artigiane, scuole – botteghe per l’apprendistato, attrazione turistica – commerciale,  presepe artigianale nelle varie forme, collocazione toponomastiche per richiamare gli antichi mestieri, collegamento con le scuole presenti sul territorio;
  • NUOVI PARCHEGGI in zone strategiche del nostro tessuto sociale, accesso al centro storico con telepass, pass per i residenti, navette elettriche con azioni miranti alla  salvaguardia del nostro tessuto urbano;
  • RETE IDRICA e qualità dell’acqua. Per troppo tempo ci siamo illusi che l’acqua che arrivava  sulle nostre tavole , proveniente dalle nostre sorgenti montane,  fosse al top della qualità. Qualche giorno addietro ci siamo svegliati da un lungo sogno, ci hanno detto che il giocattolo si era rotto.  Con ciò vogliamo ribadire che dei tanto decantati progetti dei nuovi impianti idrici, si parla di progetti di 12 milioni di euro in termini di investimenti  delle nuove condutture idriche, se non si parte con stralci di finanziamenti , assisteremo vieppiù  ad un degrado irreversibile delle nostre sorgenti;
  • SALVAGUARDIA delle botteghe di vicinato (ormai in via di estinzione), della valorizzazione dei nostri prodotti agricoli a km. Zero , introducendo una “moneta complementare” esclusivamente per i prodotti locali e per gli abitanti del nostro territorio;
  • SICUREZZA DEL TERRITORIO: Videosorveglianza alle entrate del paese, impiego degli uomini che fanno capo alle Associazioni di Volontariato convenzionati con il Comune per una presenza puntuale sia nelle strade del Centro abitato , sia nelle zone periferiche sia nelle zone di villeggiatura extra urbane; specialmente nelle ore notturne e durante i grandi eventi.

Abbiamo ascoltato le proposte che ci sono venute dalla delegazione “Svolta Popolare per Castelbuono”, abbiamo messo al centro del dibattito,  come “ Associazione di categoria delle piccole e medie imprese” , alcune nostre proposte, insieme ci siamo confrontati  sul percorso più ottimale per armonizzare la qualità della vita dei nostri cittadini. Anche al candidato Vincenzo Allegra facciamo i nostri auguri per  quei traguardi che con la sua lista vorrà  raggiungere.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close