La risposta del giornalista Giuseppe Spallino alla rettifica di Polizzotto

Sono rimasto alquanto basito nel leggere le dichiarazioni di Stefano Polizzotto in cui precisa e rettifica quanto mi ha dichiarato nell’intervista che abbiamo pubblicato nell’ultimo numero di “Suprauponti”. Forse ha dimenticato che quando ci siamo visti tra me e lui c’era un registratore, e pertanto le frasi riportate sono state trascritte fedelmente. Che poi Polizzotto abbia fatto un passo indietro dopo che il 24 aprile è stato ufficializzato il movimento “Andiamo oltre…” voluto dai gruppi consiliari di opposizione con la regia del Partito democratico, è un problema suo. Ma siccome lo ritengo un attento osservatore, non gli sarà sfuggito che questo percorso era già stato annunciato l’estate scorsa con un’assemblea presso il ristorante “Alle Querce”. Come avrebbe potuto Mario Cicero rompere con i suoi colleghi del Consiglio comunale e con il Pd per fare esclusivamente un’alleanza con lui? Il “principe del foro” scivola dunque su una buccia di banana. E lo fa dimenticando che poco prima l’uscita dell’intervista il nostro direttore Rosario Mazzola ha assistito ad un colloquio tra lui e Cicero in cui l’Avvocato ribadiva la volontà di allearsi con l’ex sindaco.

Dopo l’uscita del nostro giornale all’interno delle opposizioni è scoppiato qualche “mal di pancia” per questa strana accoppiata, cosa di cui abbiamo avuto conferma, e probabilmente Polizzotto ha preferito fare retromarcia piuttosto che farsi rispondere picche. Noi ribadiamo che quanto riportato virgolettato lui l’ha effettivamente detto. E se ci sarà di nuovo motivodi ritornare sull’argomento metteremo la registrazione on-line, insieme alla testimonianza del nostro direttore sull’incontro privato tra Cicero e Polizzotto, tra l’altro successivo all’intervista, riportando delle interessanti frasi che disse in quell’occasione l’ex consulente di Crocetta. Infine dispiace constatare che una persona garba come Stefano Polizzotto abbia peccato di scorrettezza, inviando la sua precisazione ai blog piuttosto che al giornale interessato. Da lui non me lo sarei mai aspettato.

Giuseppe Spallino