La roverella di Valle dell’Inferno tra le più grandi d’Italia

Pubblichiamo di seguito foto e informazioni sulla Roverella che si trova nella zona chiamata “Macchia dell’Inferno”, a 1.340 metri di quota, di fronte Castelbuono, e che rappresenta un vero e proprio monumento della natura: una delle piante più vecchie d’Italia, una meraviglia preziosa delle Madonie – come meglio spiega il professor Rosario Schicchi – in un commento molto interessante postato sul suo profilo Facebook, che riportiamo di seguito. 

“Tra le roverelle più grandi d’Italia per dimensione del fusto ed età figura quella di Valle dell’Inferno, ubicata nell’omonima località, nel territorio di Castelbuono. Si tratta di un individuo straordinario, vero e proprio elemento identitario del territorio delle Madonie.

Questa straordinaria roverella possiede un tronco ragguardevole, interamente tappezzato nella parte esposta a nord-ovest da colonie di muschi, che si divide in due grosse branche a circa 3 m dal suolo. La struttura della chioma risente sia dell’azione dei fulmini sia dei tagli di alcune branche effettuati in passato nell’ambito dell’attività di legnatico connessa all’esercizio degli usi civici. Purtuttavia essa si presenta ancora abbastanza armonica. La circonferenza del tronco a 1,30 m dal suolo, è pari a 8,15 metri, mentre la circonferenza massima, misurata al colletto è di 10,40 metri.
Questa roverella domina incontrastata un ampio paesaggio che spazia fino alla sommità dell’Etna. Può essere considerata la “sentinella della montagna” che ha osservato silenziosa, nel corso dei secoli, lo svolgersi delle vicende umane, soprattutto di Castelbuono, compreso la costruzione del trecentesco castello dei Ventimiglia che costituisce l’emblema della cittadina madonita. Accanto a questo ragguardevole esemplare, figurano altre tre roverelle di notevoli dimensioni, una delle quali possiede nel tronco un’ampia cavità che può contenere una persona.”
Roverella piu grande del mondo Castelbuono

Roverella