La veste di Mons. Mogavero? Armani naturalmente

La notizia ? di ieri ed a rilanciarla ha pensato il ?Corriere del Mezzogiorno?:?i paramenti indossati dal vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero, sono stati disegnati in esclusiva dal noto stilista Giorgio Armani.

Ora, noi non siamo n? sprovveduti, n? bigotti e?capiamo la sincera devozione con la quale Armaniha voluto omaggiare uno dei vescovi pi? in vista di Sicilia in un?occasione cosi importante, e?non ci scandalizza che il monsignore abbia accettato il regalo sfoggiandolo per l?inaugurazione del sagrato della chiesa di Pantelleria.

A lasciarci perplessi ? il messaggio che veicola da questa vicenda, proprio nei?giorni in cui il mondo cattolico sta celebrando la beatificazione di Papa Giovanni Paolo secondo, il pontefice cui si deve il recupero della dimensione spirituale della Chiesa moderna.?Un messaggio in netta controtendenza con la mondanit? della scelta fatta dal vescovo di Mazara, tra l?altro tra i pi? severi censori della vita pubblica ed istituzionale dell?Isola.
Saremo arretrati, saremo pure un po? provinciali, ma?la Chiesa che ci piace ? quella dei tanti parroci che lottano per salvare tanti giovani dalla strada, degli oratori dove si formano migliaia di futuri cittadini, dell?associazionismo e della carit? silente, dei mille angeli che fanno del bene quotidianamente, sparsi per tutta la Sicilia, e che non avranno mai, ma neanche ci aspirano per la verit?, le prime pagine dei giornali.

Noi?siamo affezionati a quella Chiesa; non ce ne voglia Monsignor Mogavero, ma la preferiamo a quella del lusso e delle ostentazioni, dei facili censori sempre pronti a puntare il dito sugli altri ma indulgenti con s? stessi. Quella ? la Chiesa che ci piace e che serve a migliorare la nostra societ?, a prescindere dall?essere credenti o meno.

Per intere generazioni la Chiesa in Sicilia ha svolto una meritoria azione sostitutiva delle istituzioni in campo educativo, sociale, persino nell?assistenza ai bisognosi; forse?? giunto il tempo di ritrovare quello spirito, magari vestendo panni pi? dimessi ma consoni alla missione pastorale.

(Di Fedro da Blog Sicilia)

Articolo precedentePresentazione del libro “Feudo del Mare” di Marinella Fiume
Articolo successivo?Non ? pi? una chimera?
Rosario Mazzola (Castelbuono, 15 agosto 1956) è un giornalista italiano. Cronista sportivo, collaboratore esterno del quotidiano Giornale di Sicilia, dove cura l?informazione dell?atletica leggera. Direttore responsabile del periodico locale castelbuonese Suprauponti. E? coautore con Lirio Abbate, inviato de L?Espresso, del libro ?La storia del giro podistico internazionale di Castelbuono ? La corsa su strada più antica d?Italia? - Promos Editore -1994. Ha vinto i premi giornalistici nazionali ?Grappolo d?argento 1998?, organizzato a Monteforte d?Alpone in provincia di Verona, e ?Ypsigro?, nel 2008 a Castelbuono.

1 commento

  1. Non mi trovo d’accordo. L’abito non fa il monaco. E peraltro anche il compianto Papa non lesinava – come ? da sempre “costume” dei vicari di San Pietro – in ricchezza nei paramenti, nell’oro e nel corallo. Se guardiamo invece ai messaggi di cui si fanno portatori, come accenna soltanto l’autore nell’articolo, Mogavero ? probabilmente l’unico che si ? scagliato con la dovuta forza contro l’immoralit? della politica e che lotta ogni giorno contro un’Italietta neorazzista per tornaconto dei consensi nel nord. Il giorno che morivano 250 figli di Cristo, al largo delle coste siciliane, ho sentito solo Mogavero mentre il Vaticano blaterava sui contraccettivi (e le vite potenziali) e il tg1 governativo faceva di tutto per parlar d’altro.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.