Le 10 domande al commissario del Pdl Gianclelia Cucco [e risposte]

Pubblicato da il 28 dicembre 2012
rompiscatole

1) Iniziamo con una domanda di carattere generale. Da donna, cosa ne pensa dell’uso che ha fatto del genere femminile il suo “dio in terra” Silvio Berlusconi?

2) Alla vigilia delle elezioni amministrative è scoppiato il caso “Erica”. Tutto parte da un’e-mail indirizzata all’ex assessore Nicola D’Ippolito che lei, insieme al suo collega dell’epoca Peppinello Mazzola, avete trovato in una carpetta. Ma questa e-mail l’ha scoperta per caso o ha avuto una soffiata magari da qualche suo familiare?

3) A proposito del caso “Erica”, come sono adesso i suoi rapporti con l’ex assessore D’Ippolito?

4) Il 18 dicembre dell’anno scorso lei si è apertamente scontrata con il presidente di Giovane Italia Giorgio Campo. Quest’ultimo, rispondendo a un’apposita domanda su questa rubrica, ci ha dichiarato: “Il nostro impegno e la nostra costante azione è sempre stata scevra da ogni condizionamento di qualsiasi natura, pertanto nel momento in cui abbiamo capito che la signora Cucco voleva limitare la nostra libertà di opinione,  addirittura demistificandola a suo favore, non abbiamo esitato a denunciarlo pubblicamente in quella sede, provocando le ire della stessa che ha ritenuto opportuno reagire insultandoci gratuitamente”. Qual è invece la sua versione dei fatti?

5) Passiamo alle elezioni amministrative. In passato, lei è stata politicamente vicina al deputato regionale Salvino Caputo. Come mai in questa occasione lui ha preferito sostenere un’altra candidatura piuttosto che la sua?

6) L’ex sindaco Mario Cicero ha affermato che alcuni giorni dopo le amministrative ?il segretario regionale Giuseppe Lupo è venuto a cenare in paese con i nostri avversari, tra cui Gianclelia Cucco, una donna culturalmente fascista!?. E’ vero quanto ha dichiarato e cosa ne pensa della frase finale che ha detto su di lei?

7) E’ vero che in occasione della sua elezione a presidente del Consiglio comunale ci sono stati dei “mal di pancia” nel gruppo femminile di Castelbuono in Movimento?

8) Il suo capogruppo Santo Leta ci ha confermato che tra di voi esiste un accordo che prevede le sue dimissioni a due anni e mezzo di consiliatura dalla carica di presidente del Consiglio e subentra lui. Perché avete raggiunto questo compromesso?

9) Come valuta la sua esperienza a 6 mesi dalle elezioni e quanto guadagna?

10) Concludiamo facendo un salto indietro nel tempo. Nella passata consiliatura lei è stata eletta consigliere comunale. Cosa ne pensa dell’operato della giunta Cicero e di quello sinora svolto dalla giunta Tumminello?

About peppenews

Non è raro, è unico. Di tutti sa tutto. Giornalista per passione, storico per vocazione, rompicastole per professione.

Un Commento

  1. Gianclelia Cucco

    30 gennaio 2013 at 14:17

    1) Innanzi tutto non credo che Silvio Berlusconi sia un ?dio in terra?, tanto meno mio, forse lo è per lei, visto che lo definisce così. Riguardo al rapporto che lui ha con le donne, penso che il problema non è Berlusconi ? ma quelle donne che scoprono i loro corpi e li vendono per scelta assieme alla propria dignità per fare carriera nel mondo dello spettacolo o in politica ? fortuna che ci sono donne e Donne.

    2) L?e-mail era in mezzo al fascicolo, è saltata subito agli occhi appena il consigliere Mazzola Peppinello ed io abbiamo iniziato a visionare le carte relative al Piano Energetico Comunale che era stato portato in Consiglio qualche giorno prima. Noi volevamo solo approfondire la questione, capire i costi per le casse comunali, conoscere le ditte partecipanti al bando, i tempi di attuazione ? non pensavamo di trovare qualcosa che potesse far pensare a delle anomalie procedurali ? da lì a poco sarebbe arrivato il Sindaco di allora Mario Cicero, che all?evidenza dei fatti, per meglio dire degli atti, rimaneva imbarazzato e senza parole. A quel punto i sei consiglieri di minoranza del gruppo ?Castelbuono Unita?, di cui facevo parte, si sarebbero aspettati un segnale politico. Tutto il resto lo ha fatto e lo ha detto l?Amministrazione di allora, con il contributo della stampa locale compreso il suo.

    3) Da parte mia non ho niente di personale nei suoi confronti, una cosa è l?amicizia un?altra cosa è la politica ? Quando si amministra la cosa pubblica bisogna essere attenti corretti e precisi. Ritengo che ci sia stata leggerezza da parte dell?assessore e dell?Ufficio competente. Non abbiamo mai parlato dell?accaduto, e ciò mi dispiace, considerato che ci conosciamo da tanti anni e abbiamo condiviso diversi percorsi.

    4) La versione dei fatti è quella che per 13 mesi non ho voluto cogliere le provocazioni e le falsità che più volte e con diverse modalità sono state lanciate nei miei confronti, e non vorrei farlo nemmeno adesso dietro la sua ostinazione a conoscere l?altra faccia della verità ? perché c?è un?altra verità. Quella verità che mi sarei aspettata venisse non dal presidente, ma dagli altri ragazzi di Giovane Italia che ho, con l?entusiasmo di chi non è ancora disillusa della politica, incoraggiato, sostenuto, promosso, tutte le volte che sono stata cercata, consultata, invitata e voluta alle loro riunioni ufficiali e agli incontri al di fuori della sede ? Dicevo loro con sincerità: ?camminate con i vostri piedi, ragionate con la vostra testa, lottate per le vostre idee senza farvi condizionare mai? ? ?io ci sarò tutte le volte che avrete bisogno di me?. Credo che alla base di tutto ciò c?è stata incomprensione, ma c?è sempre tempo per un chiarimento.
    La cosa sostanziale e rilevante è che ciascuno ha scelto e fatto il percorso politico che ha voluto senza limitazioni alla libertà di opinione.

    5) Alle regionali del 2008 ho sostenuto la candidatura del deputato Salvino Caputo, che pensi un po?, mi era stato presentato ad un convegno alcuni mesi prima, dall?allora Sindaco Mario Cicero. Ebbe un risultato di 98 voti, non pochi per chi era quasi uno sconosciuto per i Castelbuonesi. La condivisione del progetto politico iniziale è venuto meno con la fusione di FI e AN nel PdL, ciò nonostante rimane la stima e l?amicizia reciproca.

    6) Hanno male informato l?ex sindaco, perché non ho mai cenato con il Segretario regionale. È vero invece che la sera dell?insediamento del Consiglio Comunale, in cui sono stata eletta Presidente del consiglio, insieme ad alcuni colleghi ed al neo Sindaco Tumminello, siamo passati in un noto ristorante del corso di Castelbuono, per dare il saluto istituzionale al Segretario regionale del PD Giuseppe Lupo e al Consigliere provinciale Gaetano Lapunzina, persona quest?ultima, che conosco sin dall?infanzia per un?amicizia di famiglia.
    Circa l?affermazione ?Gianclelia Cucco, una donna culturalmente fascista?? l?ho considerata semplicemente un?espressione infelice dell?ex sindaco, altrimenti avrei dovuto querelarlo.

    7) No, non ci sono stati mal di pancia, come lei li chiama, ma genuino confronto all?interno del gruppo di maggioranza, composto da 10 consiglieri, che non fa distinzioni di ?genere? e tutti con le carte in regola per ricoprire cariche politiche.

    8) Intanto non è stato un compromesso. Per opportunità politica.

    9) Positiva. Il mio compenso per la carica di Presidente del Consiglio è di euro 450,00 circa al mese, di cui una parte nei mesi scorsi è stata impegnata insieme a quella del Sindaco e dei quattro Assessori, per iniziative che non hanno trovato copertura finanziaria nel bilancio comunale. Siamo convinti di utilizzare ancora parte delle nostre indennità per finanziare altre spese.

    10) La passata Amministrazione, come tutte le amministrazioni, ha fatto delle cose buone e delle altre meno buone. Spesso il mio gruppo, non ha condiviso certe scelte, altre volte ha criticato il metodo ? in alcuni casi ci siamo trovati in sintonia su determinate questioni. Sempre propositivi nelle proposte, alcune volte abbiamo visto accolti i nostri suggerimenti.
    Credo che per fare un bilancio della Giunta Tumminello, sia poco il periodo trascorso. Sicuramente nonostante la crisi generale che investe il nostro paese, nonostante i tagli dello Stato e della Regione ai trasferimenti ai Comuni, voluti dalle ultime leggi finanziarie, nonostante la difficile situazione economica ereditata dalla precedente amministrazione, quella attuale ha finora svolto un ottimo lavoro facendo i salti mortali per mantenere quei servizi di cui la cittadinanza è abituata ad usufruire, ma anche si sta impegnando per creare condizioni di sviluppo e opportunità di lavoro per i nostri giovani. Per esempio dall?indomani del suo insediamento, la Giunta Tumminello ha puntato sulla manutenzione delle strade urbane ed extraurbane. Attenta al decoro e al verde pubblico aiuole, siepi, alberi, ville comunali, hanno ritrovato vigore e bellezza. Sta lavorando sulla riorganizzazione degli uffici e del personale per rendere la macchina comunale più efficiente ed efficace. Sono già iniziati i lavori all?ex Carcere di via Mazzini e a breve inizieranno quelli di ristrutturazione di S. Francesco e Scuola elementare. Il finanziamento pubblico per la rifacimento del teatro Le Fontanelle, grazie ad un ricorso e alla tenacia dell? amministrazione, non è andato perduto. Sono stati espletati i bandi per l?affidamento del campetto ?Totò Spallino? , Parco delle Rimembranze e la gestione dell?Asilo nido comunale e di altri servizi integrativi di utilità, i nostri bambini finalmente avranno un nuovo scuolabus ? e queste sono solo parte dei progetti e delle iniziative in cantiere per rendere Castelbuono ancora più vivibile e accogliente.

Devi effettuare il login per commentare un post Login

Commenta