Le 10 domande al più anziano consigliere di maggioranza Santo Leta

By on 16 novembre 2012

a cura del giornalista-storico Giuseppe Spallino

1) Perché ha deciso di occuparsi di politica?

2) Facciamo un salto nel passato. Il 28 novembre 1992, quando in Consiglio comunale si parlò della “delimitazione della fascia boschiva”, che sta all’origine della cosiddetta “Tangentopoli castelbuonese”, lei con tanti altri consiglieri se n’è scappato. Di che cosa aveva paura?

3) E? vero che in occasione delle elezioni amministrative del 2007, su spinta di Bartolo Fazio, volle fortemente rifare l’assessore ma non venne accontentato?

4) Perché si è dimesso da segretario del Pd? E’ vero che nella lettera di dimissioni scrisse che il suo operato è stato contestato da Mario Cicero?

5) Cosa ci faceva l’indomani delle elezioni amministrative di quest’anno nell’orto del sindaco uscente Mario Cicero?

6) E? vero che c’è un accordo che prevede le dimissioni a due anni e mezzo di consiliatura di Gianclelia Cucco quale presidente del Consiglio comunale e subentra lei?

7) Come valuta l?operato sinora svolto dall?Amministrazione comunale e il ripristino del doppio senso in piazza Matteotti?

8) Perché non ha firmato la lettera con cui 8 consiglieri su 10 della maggioranza chiedono al sindaco Antonio Tumminello di cambiare rotta?

9) Secondo lei, quale interpretazione bisogna dare alle critiche degli ex dell?Unità Civica fatte nei confronti dell?Amministrazione?

10) Chi ha sostenuto come candidati alla Presidenza e all’Ars alle elezioni regionali?

A proposito di peppenews

Non è raro, è unico. Di tutti sa tutto. Giornalista per passione, storico per vocazione, rompicastole per professione.

Un commento

  1. Santo Leta

    21 novembre 2012 at 16:05

    1) Perché, dopo la famiglia, mi è sempre piaciuto occuparmi del prossimo.
    2) Se non ricordo male, in quella seduta consiliare, avevo surrogato da poco il dimissionario Barreca ed il mio gruppo, per ragioni politiche, aveva deciso (come altri precedentemente) di abbandonare l’aula. Forse sarei dovuto rimanere da solo a fare il don Chisciotte su argomenti a me poco noti?
    3) E’ vero. Volevo ultimare i progetti iniziati e Bartolo Fazio, amico costante, ha sposato quella causa. Senza risultato.
    4) E’ esatto il contrario. Non condividevo io, in quel momento storico, l’attività politico-amministrativa di Mario Cicero e, per evitare contrasti interni, ho preferito fare un passo indietro per lasciare governare Mario Cicero come poi ha governato.
    5) Gli orti mi sono sempre piaciuti. Specie se coltivati da amici!
    6) L’accordo c’è, ma in politica gli accordi cambiano come le stagioni….
    7) Più che soddisfacente considerate le mille difficoltà economiche e di organico in cui si muove. Per Piazza Matteotti aspetto di vedere realizzato il progetto definitivo dell’architetto Minutella poiché, in senso assoluto, non mi è mai del tutto piaciuta la prima soluzione così come l’attuale. 
    8) Semplicemente perché quella lettera oltre che al Sindaco è stata pure indirizzata al Presidente del Consiglio e al sottoscritto. 
    9) Invidia e nient’altro.
    10) Crocetta-Lupo 

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi