Le Madonie a ferro e fuoco

By on 13 luglio 2017

[cefaluweb.com]Bruciano da ore le Madonie. Dai confini opposti, da San Mauro a Caltavuturo, una sola costante: le fiamme, appiccate dalla mano criminale dell’uomo. Il fuoco ha divorato ettari e ettari di boschi, coltivazioni, messo in pericolo animali e persone, tenuto al lavoro squadre di volontari, Vigili del Fuoo, forestali.

I roghi hanno interessato anche i comuni di Blufi e Bompietro, con quale episodio anche nelle campagne di Cefalù. A vivere la situazione più drammatica è senza dubbio San Mauro, dove è vasto il fronte del fuoco, e si è dovuto fare i conti con la difficoltà gestionale. Fiamme in Contrada Colombo, Gallina, Casale Botindari.

Non basta poi la difficile posizione geografica del paese, distante dagli altri centri abitati e con una viabilità di collegamento difficile, a rendere difficile lo spegnimento; il paese si è anche scontrato con uno stato di semi abbandono nel gestire l’emergenza. Le squadre antincendio dislocate nel comune madonita non sono potute intervenire poichè dei mezzi in dotazione uno è guasto e uno non è revisionato. Da quando è iniziato il servizio antincendio inoltre non è nemmeno disponibile la vedetta avvistamento incendio.
Ad intervenire sul posto sono state le squadre di Forestale e Protezione Civile di Gangi, ma gli appelli dell’amministrazione per avere altro aiuto sono rimasti inascoltati. Ieri sera è stato fermato dai Carabinieri un uomo visto con atteggiamento sospetto nella zona da cui sarebbero partite le fiamme, ed è stato portato in caserma per accertamenti.

foto archivio

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi