L’ennesimo assurdo capitolo della storia dei nuovi impianti di Piano Battaglia

[pianobattaglia.it] E’ soltanto l’ennesimo rinvio di una storia allucinante che riguarda il futuro di Piano Battaglia. Prima gli anni bui dell’Amministrazione Lombardo durante i quali il progetto Piano Battaglia è stato fondamentalmente congelato. Adesso i mille intoppi di una gara d’appalto prima deserta, poi con un’offerta, e per cui sono state avanzate mille opposizioni. In tre-quattro sedute dell’U.R.E.G.A. per una gara d’appalto con un’offerta in busta, non si è riusciti a giungere alla fine con una risposta positiva o negativa. I continui rinvii hanno rischiato di fare perdere il finanziamento europeo dell’infrastruttura e adesso che anche gli ultimi intoppi sembravano superati: l’ennesimo rinvio. Anzi no, peggio, la gara è da rifare.

Questo il contenuto del messaggio del comunicato pubblicato nel sito del Comune di Petralia Sottana.

Non c’è da essere entusiasti, il nuovo “crono-programma”, una parola assolutamente sconosciuta nell’italiano che si parla da Roma in giù, prevede che l’inizio dei lavori non potrà avvenire prima della fine dell’estate (gara ad aprile, se ci riusciranno, +45 giorni per il progetto esecutivo). I lavori sarebbero dovuti partire in questa primavera, così da poter terminare almeno entro fine anno, sfruttando la bella stagione per le operazioni più delicate: installazione dei piloni della seggiovia con l’elicottero, rilievi ecc…

E’ una storia che continua nella sua assurdità.

Tutto questo condanna Piano Battaglia nuovamente ad una lunga ed estenuante attesa, nella speranza che esista realmente la volontà politica, e soprattutto “dirigenziale”, di realizzare l’opera.

 

A seguire il comunicato pubblicato dal Comune di Petralia Sottana:

“ASSICURATA LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI RISALITA DI PIANO BATTAGLIA

Grazie al forte e continuo presidio istituzionale da parte del territorio madonita ed alla convinta azione di coordinamento svolta dall’Assessorato Regionale al Turismo, nelle persone dell’Assessore Michela Stancheris e dei dirigenti coinvolti, è stato superato l’ostacolo che aveva determinato la sospensione della gara bandita dall’UREGA con il conseguente rischio per la realizzazione degli impianti di risalita. Nei giorni scorsi, infatti, tutti gli enti coinvolti – Dipartimento Regionale alla Programmazione, Provincia Regionale di Palermo, Assessorato Regionale al Turismo, Assessorato Regionale Territorio Ambiente, Ispettorato Regionale Tecnico, UREGA, Comune di Petralia Sottana e SO.SVI.MA. Spa, – ( quest’ultima nella qualità di Coordinatore Tecnico del PIST “Madonie-Termini”, programma grazie al quale è stato ottenuto il finanziamento) – hanno deciso di revocare la procedura di gara avviata dall’UREGA e di aggiornare il progetto secondo i dettami previsti dalla Legge 207/2010; una decisione che assicura un iter certo e compatibile con i vincoli normativi e temporali fissati dall’Unione Europea e dalla Regione Siciliana. Ciò consentirà di pervenire entro la fine del mese di marzo p.v. alla redazione del progetto definitivo e di acquisire sullo stesso – tramite l’istituto della conferenza di servizio – tutte le autorizzazioni ed i pareri previsti per il predetto livello progettuale, il relativo decreto di finanziamento e di rimettere, quindi, a gara il progetto entro il mese di aprile p.v. Il nuovo crono-programma è stato concertato e condiviso con tutti gli enti che intervengono nella realizzazione degli impianti, prevedendo come termine per il collaudo finale il 31 maggio del 2015. “Ritengo doveroso ringraziare – afferma il Sindaco di Petralia Sottana, Santo Inguaggiato- tutti coloro che a vario titolo e a volte anche oltre i doveri derivanti dal proprio ruolo, si sono adoperati per salvare il finanziamento e per consentire la realizzazione di un’opera il cui valore è fondamentale per il rilancio di Piano Battaglia e per lo sviluppo delle Madonie. Continueremo a vigilare, come istituzioni del territorio, assieme al vasto associazionismo e alle categorie economiche interessate, affinché non ci siano ulteriori intoppi rispetto al crono-programma concordato”.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.