“Lettera aperta per tutti coloro che, come me, vogliono bene, stimano e rispettano Padre Domenico”

By on 28 aprile 2018

Mi appresto a scrivere questa lettera, non per fame di grandezza o mania di protagonismo personale, che per chi mi conosce bene sa che non mi competono, ma perché mi sembra doveroso e giusto informare tutte le persone che incontro per strada e mi chiedono notizie di Padre Domenico. Dal 12 Febbraio c/a Padre Domenico ha lasciato malinconicamente Castelbuono deluso ed amareggiato soprattutto dal Sindaco e da certe persone molto vicine a lui durante la sua lunga permanenza nel nostro paese (più di 40 anni). Come molti di voi ben sapranno nel 2015 è stato allontanato per punizione dai suoi superori dalla nostra comunità ed esiliato a Reggio Calabria come probabile ultima dimora della sua vita terrena. Ma lui, forte della sua fede, ha resistito per ben 2 lunghi anni a questa “prigione” durante la quale ci sentivamo spesso al telefono. Finché un giorno, esattamente il 25 luglio 2017, sono andato dal Sindaco per chiedere di aiutare Padre Domenico a farlo ritornare a Castelbuono fra la gente che lui ha tanto amato. Il sindaco un giorno di settembre dello scorso anno è andato a trovarlo ed insieme hanno concordato il suo ritorno con la promessa di fargli trovare un’abitazione insieme a tre sorelle che lo avrebbero accudito. Io mi sono offerto di ospitarlo subito, viste le sue precarie condizioni di salute: necessitava di visite mediche nell’attesa di una sistemazione definitiva. Il 25 settembre Padre Domenico è ritornato a Castelbuono, quando è sceso dalla macchina era come rinato, felice ed entusiasta, e voleva continuare a portare avanti con entusiasmo le sue iniziative sociali culturali ed umanitarie che per 40 anni aveva portato avanti (“Sport e promozione umana” etc…) contribuendo così notevolmente alla crescita di molte generazioni di ragazzi: un vero e proprio educatore!!! E rimanere a Castelbuono.
Ma un giorno, al ritorno da una delle tante udienze con il sindaco, è ritornato a casa triste e deluso, al che ho chiesto che cosa era successo e lui mestamente mi ha risposto che era deluso ed amareggiato dal sindaco che si era tirato indietro dalle promesse fatte, perché non poteva compromettersi in quanto dissuaso da un crocevia di persone che non vedevano di buon occhio la sua presenza a Castelbuono, con Anna e le sue sorelle, e che si sarebbe dovuto allontanare da loro come se la presenza di queste povere ragazze rappresentava un grave pericolo per il paese, manco se erano fanatici dell’isis o altre forme di terrorismo islamico. Io in tutto questo periodo li ho ospitati affettuosamente a casa mia dando pure la residenza presso la mia abitazione nell’attesa vana che avrebbero trovato un lavoro che le avrebbe permesso di vivere dignitosamente e accudire Padre Domenico, come gia in passato hanno fatto, come nell’anno 2016 durante la sua malattia a Reggio Calabria. Ma il “tribunale del consiglio supremo di alcuni “Santoni” o presunti tali aveva deciso che padre Domenico doveva stare lontano da queste povere ragazze. Padre Domenico era così felice di essere ritornato a Castelbuono ma è stato costretto ad andare via, triste, deluso ed amareggiato proprio da coloro che dicevano di volergli bene. Questo è stato il triste epilogo, per la gioia di tutti i “galoppini del covo senza Vangelo” così come li definisce Padre Domenico e di tutti i falsi gesuiti e farisei di Castelbuono che hanno accompagnato sempre da pubblicità negativa meschina e gratuita la presenza di queste ragazze e padre Domenico. Io, per quanto mi riguarda, sono deluso profondamente, quello che ho fatto l’ho fatto con il cuore ma non è stato capito da tutti.

Rosario Targia

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi