Martedì 7 gennaio sciopero regionale dei lavoratori forestali

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Martedì 7 gennaio anche le Madonie a Palermo per manifestare contro la finanziaria del Governo Crocetta che intende smantellare il comparto forestale, ci resteremo eventualmente fino a quando non ci verranno date le giuste garanzie, al Governatore della Sicilia gli diciamo che non si deve risparmiare sulla pelle dei forestali, bisogna invece tagliare gli sprechi.
Anche lui purtroppo ha cambiato idea nei nostri confronti, ecco cosa diceva in occasione del Revolution Day, giorno in cui festeggiava la sua elezione:
“I forestali li hanno fatto soffrire per tutta l’estate, è una vergogna, questo all’estero si chiama salario minimo garantito, si tagliano gli stipendi dei forestali a cui ci si rifiuta di pagare uno stipendio di seicento euro al mese e non si vogliono tagliare i 400 mila euro all’anno del Segretario Generale dell’ ARS”.
Lo avevamo anche applaudito, ma cosa abbiamo fatto di male per meritarci tutto questo?
Si potrebbe per esempio rendere produttivo il comparto, di applicare interventi mirati per la salvaguardia dell’ambiente, assicurare la tutela ed il risanamento del suolo e del sottosuolo, salvaguardia e la tutela del territorio dagli incendi boschivi, il risanamento idrogeologico del territorio tramite la prevenzione dei fenomeni di dissesto, la messa in sicurezza delle situazioni a rischio, lotta alla desertificazione ecc. Così facendo verrebbe meno tutto quel lavoro nero, grigio, irregolare, sommerso e chi più ne ha più ne metta. Questa è la strada da percorrere, non lo smantellamento.
Abbiamo appreso dalla stampa che il Governo adesso si accingerà a riscrivere la norma, noi purtroppo non ci crediamo più, in diverse occasioni gli Assessori al ramo (Lo Bello al Territorio Ambiente e Cartabellotta alle Risorse Agricole Alimentari), si sono rimangiati tutto quello che avevano promesso, ci sentiamo UMILIATI anche per questo. Se qualcuno adesso pensa che con questi giochi di prestigio ci potrebbe essere un ritorno elettorale per le Europee, si sbaglia di grosso. Noi nell’immediato e cioè martedì 7 gennaio, chiederemo che l’accordo del 14 maggio del 2009 diventi esecutivo tramite una legge, il resto sono solo chiacchiere.
In questo momento così delicato l’unità è la migliore arma, quindi giorno 7 gennaio tutti a Palermo,(lavoratori appartenenti all’azienda e lavoratori del servizio antincendio), con o senza bandiere sindacali, l’importante è esserci perchè il nostro destino sembra già segnato!
Uniti forse si vince, quindi non mancate!!!

Michele Mogavero
http://forestaliantincendiosicilia.blogspot.it/

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.