Maxi rissa a Cefalù. “E’ stata la donna di Castelbuono ad aggredire”

By on 30 marzo 2017

[riceviamo e pubblichiamo] Emergerebbero nuovi particolari sulla maxi rissa tra donne che ha visto nei giorni scorsi coinvolta una donna di Castelbuono. A rivelarli è l’avvocato Maurizio Ferreri, che difende le due indagate di Cefalù. “Secondo la versione fornita dalle mie assistite sono state loro ad essere aggredite – afferma il legale -. La donna di Castelbuono, infatti, si è recata di proprosito a Cefalù a casa della consuocera, dove in quel momento si trovava anche la nuora, e ha iniziato a bussare con violenza alla porta dell’abitazione nell’intento di farsi aprire, urlando e minacciandole ripetutamente. Dopo un pò la donna si è allontanata stante che non le era stata aperta la porta. Mentre la donna si trovava fuori nel piazzale è stata raggiunta dalle mie clienti, intenzionate a chierderle chiarimenti sul perchè di quel comportamento aggressivo e violento, ma la donna di Castelbuono ha afferrato una scopa che si si trovava nei pressi e si è scagliata contro la consuocera e la nuora le quali, nella circostanza, venivano colpite ripetutamente dalla donna. In definitiva le mie assistite sostengono di non aver aggredito affatto la donna di Castelbuono ma di essere state loro a subire l’aggressione e di avere posto in essere atteggiamenti meramente difensivi”.
 
Per completezza e praticità nel confronto tra le due versioni dei fatti, vi segnaliamo la notizia pubblicata da Palermotoday e da noi riportata in data 24/3/2017.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close