Mons. Mogavero: “Don Puglisi è il primo martire di mafia beatificato”

[GDS.IT] «Quello di Don Pino Puglisi è il primo caso di beatificazione di un martire di mafia». Lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero, intervenendo a Lamezia Terme, nell’ambito di Trame.3, il festival dei libri sulle mafie, alla presentazione del volume «Il miracolo di Don Puglisi», di Roberto Mistretta. «La difficoltà – ha aggiunto monsignor Mogavero – è stata quella di identificare nella vicenda di Don Puglisi gli elementi che caratterizzano il martirio e di capire come il cosiddetto odio nei confronti della fede si realizzasse nell’omicidio di un sacerdote per mano dei mafiosi». Il vescovo di Mazara, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha sostenuto poi che «la Chiesa ha fatto bene a non costituirsi parte civile nel processo per l’uccisione di Don Puglisi. La costituzione di parte civile, infatti, serve per tutelare un interesse prevalentemente di carattere economico e la vita di un prete non è quantificabile in un prezzo. Non c’è bisogno di un indennizzo dei mafiosi per realizzare opere di carità. Si chiedeva giustizia non contro qualcuno ma per l’affermazione dei valori del Vangelo». In merito al problema dell’omertà all’interno della Chiesa e nella società civile, monsignor Mogavero ha detto che «oggi è più difficile, rispetto al passato, assumere un atteggiamento di omertà nei confronti del fenomeno mafioso. Per cambiare definitivamente abitudini mentali, però, occorrono molto tempo e un ricambio generazionale. Don Pino questo lo aveva capito bene, tanto che aveva cominciato ad operare con i giovani».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.