Noi non ci saremo ? ?Eterotopia?

By on 3 giugno 2012

[clicca sull’immagine per ingrandire]

Le città… quale misterioso universo! Siano esse costruite con file di mattoni o con pagine e pagine di lettere. Esiste una profonda relazione tra questi due tipi di città e tra i personaggi che le abitano. Tuttavia se vogliamo ricercare un confronto paritario, nell’indagine su due fenomeni che viviamo quotidianamente, non possiamo guardare alla solita città ma dobbiamo individuare alcuni luoghi in cui si giustappongono spazi che normalmente sarebbero incompatibili proprio come avviene nei libri che, tuttavia, non possono assurgere a spazi in quanto per natura non partecipano della dimensione che è propria di quella che possiamo chiamare Architettura ossia luogo voluto in cui luce, spazio e vita si uniscono in una influente presenza. Dunque è necessario individuare spazi  che partecipano del dell’invenzione e dell’assurdo, dell’altro insomma! un luogo divenuto non-luogo, luogo altro, un utopia negativa si suole dire… un eterotopia disse semplicemente Foucault. Ma tali non-luoghi, apparentemente illogici esistono già proprio in quanto utopie inverse cioè situate e fanno già parte della città poichè create dagli stessi che le costruiscono così come costruiscono gli spazi di parole.  Vanno solo individuate o meglio riconosciute come tali. Ogni giorno ci rechiamo nelle nostre eterotopie, ne sentiamo la necessità, fanno parte del nostro essere e nel tempo ne abbiamo create di diverse in forma collettiva attraverso le arti e le tecniche  e in forma personale anche semplicemente varcando una porta di una particolare stanza della casa. L’eterotopia è  il luogo non-luogo dove l’uomo vi si reca e si perde  nella molteplicità delle esperienze. L’eterotopia è un teatro, un cimitero, un letto… una barca. Conosci tu le tue eterotopie?  Cercale senza soffermarti sui nomi ormai cancellati per scoprire la differenza tra un libro e un cimitero. Forse, in fondo troverai più somiglianze che differenze ma a quel punto chiediti cosa, tra i due, è reale.

[clicca qui per leggere gli articoli precedenti]

A proposito di Michele Puccia

Eclettico ermeneuta del caos, in altre parole nullafacente. Ufficiosamente è nato a Palermo nel 1991 e cresciuto a Castelbuono. Da giovanissimo si appassiona al teatro e alla fotografia, dopo il diploma scientifico inizia gli studi magistrali in architettura presso l’Università degli Studi di Palermo, dove approda al design grafico e alla progettazione architettonica, che diventa la sua principale occupazione. Dal 2013 segue le tematiche del progetto di architettura per le città del Mediterraneo e dopo aver trascorso un fondamentale periodo di studi all’École Nationale Superieure d’Architecture de Marseille rientra a Palermo dove discute la sua tesi di Laurea dal titolo Il museo della memoria migrante nel Mediterraneo.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close