Ovada, trenta profughi adottano una famiglia castelbuonese in crisi

By on 20 marzo 2017

[secoloXIX] Ovada – «Se non fosse per i rifugiati, ora saremmo in mezzo alla strada». È la vicenda di una famiglia di Ovada, duramente colpita dalla crisi, che preferisce mantenere l’anonimato. Giuseppe e Sandra, sono due nomi di fantasia, hanno un figlio di 13 anni e un altro maggiorenne, che non vive con loro e svolge lavori socialmente utili in Comune. Hanno traslocato tre volte in cinque anni, finché a settembre è arrivato lo sfratto esecutivo. A Ovada non si sono senzatetto ma neppure alloggi vuoti nelle case popolari.

Il responsabile della cooperativa Idee Solidali, Luigi Rigamonti, d’intesa con il Comune e il Consorzio Servizi Sociali ha messo a disposizione un appartamento degli otto presi in affitto nella palazzina in via Galliera. Ci abitano 32 rifugiati nordafricani. In città, via Lungo Stura la cooperativa alloggia anche due afghani e un pakistano.

«All’inizio eravamo diffidenti, ma i ragazzi ci hanno fatto cambiare idea – racconta l’ex artigiano edile, 50 anni – Hanno imbiancato i muri prima del nostro arrivo e si sono offerti di dare una mano a traslocare. Con nostro figlio si comportano come fratelli maggiori. Ci siamo conosciuti e ci siamo capiti, perché stiamo affrontando le stesse incertezze». Il sorriso dei profughi ha stemperato l’amarezza.

«Sono a Ovada dal 1989, ho sempre lavorato anche di domenica, in subappalto con un’azienda locale che aveva sempre cantieri aperti a Genova, ho sempre pagato le tasse, non ho mai preso una multa. Quando i clienti hanno cominciato a non pagare e il lavoro è sparito, ho avuto bisogno e nessuno mi ha aiutato». Dal buon rapporto di vicinato con i rifugiati è nata una collaborazione spontanea. «Se si brucia una lampadina, o non funziona un rubinetto io ci sono», dice Giuseppe, che per ricambiare l’accoglienza sta ritinteggiando tutti gli alloggi.

Due rifugiati diventati educatori, Ismaila e Bengali, lo chiamano papà. La cooperativa ha proposto a Giuseppe di entrare a far parte del gruppo di lavoro. La stessa offerta è arrivata alla moglie: farà le pulizie nella prima scuola per rifugiati, che aprirà ad aprile in via Voltri per iniziativa di Idee Solidali. «Se avrò finalmente un lavoro – dice Giuseppe – potrò rivedere mia mamma, che ha 89 anni, abita a Castelbuono in provincia di Palermo e ci aspetta da 4 anni». È quasi mezzogiorno e negli appartamenti si cucina, i ragazzi vogliono fare assaggiare a Giuseppe le pietanze del Senegal, Nigeria, Ghana, Nuova Guinea. Anche a tavola si può fare integrazione.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi