Peculato, indagato sindaco di Cefalù

By on 7 ottobre 2017

(ANSA) – PALERMO, 06 OTT – Il sindaco Pd di Cefalù (Pa), Rosario Lapunzina, è indagato per abuso d’ufficio e peculato. Il gip del tribunale di Termini Imerese gli ha imposto anche l’obbligo quotidiano di firma negli uffici di polizia. A darne notizia è stato lo stesso Lapunzina per un “atto doveroso nei riguardi dei cittadini”. Sono due i filoni di indagine. Uno riguarda la posizione di un vigile urbano che avrebbe incamerato gli incassi dei parcometri che avrebbe poi speso nel gioco.
Quando il caso è stato scoperto, il vigile ha restituito le somme al Comune. Ora al sindaco viene contestato di “non avere assunto iniziative nei confronti del dipendente”. L’altro filone d’accusa riguarda l’uso, secondo il gip improprio, dell’auto comunale, una Panda, che il sindaco a volte guidava personalmente. “Sono – pronto dice Lapunzina – a fornire ogni contributo idoneo ad accertare la verità e a dimostrare la linearità della mia condotta”.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi