Pollina. Residenza artistica interdisciplinare e di formazione teatrale ispirata dall’Epopea di Gilgamesh

Dal 24 al 30 agosto, nel suggestivo scenario del Teatro di Pietrarosa di Pollina (90 km circa da Palermo) si svolgerà una residenza artistica diretta dal regista Nuno Nunes della compagnia teatrale Propositario Azul di Lisbona.

La residenza, che avrà come tema uno degli episodi dell’epica di Gilgamesh, si rivolge ad artisti di varia vocazione (attori, danzatori, musicisti, video-maker, scenografi ecc.) atteso il carattere volutamente interdisciplinare della residenza che promuove altresi una ricerca specifica sul lavoro dell’attore condotta dal regista Nunes e dallo specifico contenuto dello stage che invita a riflettere su uno dei testi fondanti dell’umanità, la storia del re di Uruk (l’attuale Damasco) e la sua ricerca dell’immortalità.

La residenza ha carattere gratuito, per una precisa scelta politica dell’Associazione teatrale Còrai, partner dell’associazione Propositario Azul e organizzatore dello stage qui in Italia.

Si richiede solo una iscrizione di 70 euro che confermi la partecipazione allo stage aperto ad un max di 12 partecipanti che dovrà essere anticipatamente versato nel c/c dell’associazione Còrai di cui verrà fornito l’iban a chi desidera partecipare.

L’iscrizione servirà a Còrai per sostenere i costi del trasporto del gruppo portoghese, per i costi dei sopralluoghi e per spese di organizzazione per la residenza.

Il comune di Pollina offrirà ai partecipanti un posto letto gratuito nelle casette a ridosso del teatro di Pietrarosa.

Le casette hanno solo i letti e il bagno ma offriranno ai partecipanti un luogo dove potere dormire e in conseguenza vivere lo stage abbandonando la macchina e permettersi una totale full immertion nel lavoro nel magico paese che domina le valli interne delle Madonie e la splendida costa di Finale.

Il paese di Pollina ha un pub con il quale ci stiamo consorziando per offrire ai partecipanti pasti a 8 euro, una pizzeria ( margherita e birra anche 5 €), una salumeria super fornita anche di verdura e frutta e pane e biscotti meragliosi del panificio locale.

Ovviamente c’è anche un bar, una banca con bancomat e abitanti che saranno sicuramente lieti di condividere la nostra esperienza.

Abbiamo già vissuto la presenza di anziani che al tramonto si siedono in teatro e seguono in silenzio il lavoro artistico.

Il lavoro viene previsto per circa sette ore giornaliere, dalle 9 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 20,00

per evitare la calura delle ore di massima esposizione solare, ma il gruppo poi si darà le proprie regole interne nel momento in cui i partecipanti inizieranno lo stage.

Come scambio all’ospitalità del Comune di Pollina si prevede una presentazione del lavoro domenica 30, al tramonto. Potrebbe anche essere possibile la presentazione il lunedi 31 per varie manifestazioni locali che potrebbero convergere in quei giorni. Pertanto invitiamo i partecipanti a considerare come ultimo gg di impegno il lunedi 31.

Il mare è vicino in linea d’aria ma ovviamente servono le macchine: Pollina è a circa 750 mt sul livello del mare e per raggiungerlo necessitano 10 minuti (di macchina).

Sarà necessario dunque portarsi, oltre al proprio abbigliamento di lavoro, lenzuola, asciugamani, un sacco a pelo (…non si sai mai, di notte puo scendere la temperatura), un cappello e ovviamente per chi vuole un costume.

In questa residenza il regista Nunes incentrerà il lavoro drammaturgico sulle tavole X e XI che ci parlano del incontro fra Gilgamesh e Uta-napisti (il Noè della Bibbia) e di come Gilgamesh passerà il mare della morte. Questo tema viene appositamento scelto per la residenza siciliana come pretesto per riflettere sull’attuale realtà dei rifugiati del nord d’Africa che attraversano il mare con la speranza di una nuova possibilità di vita in Europa. 

Consiglia altresì di leggere preventivamente il testo di Gilgamesh in italiano, consultando il sito http://www.homolaicus.com/storia/antica/gilgamesh/tavola_2.htm

Per uleriori info vi alleghiamo una scheda dettagliata della genesi di questo progetto di cui Pollina costituisce la quarta residenza internazionale di ricerca dopo Palestina, Portogallo e Francia.

La sottoscritta Patrizia D’Antona è la refente in Italia del progetto, per ogni comunicazione potete chiamarmi al n. 338-9215245.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.