PromoMadonie e i comuni delle Madonie solidali per “MetaLampedusa”

[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] Sabato 30 novembre alle ore 21 al Teatro Don Bosco Ranchibile si è svolto l’evento  “MetaLampedusa” concerto di solidarietà a favore degli immigrati ospitati presso il centro di accoglienza nell’isola di Lampedusa.

“Chiunque incontri è tuo fratello, figlio, figlia; non ci sono fratelli e sorelle di serie B, C e D. Su tutte le difficoltà riguardanti l’immigrazione, dico: diamo prima l’accoglienza e poi le difficoltà le affronteremo”

Questa bellissima frase di Don Gallo, letta all’indomani della enorme sciagura avvenuta nei mari di Lampedusa, che ci ha reso partecipi della morte di più di cento esseri umani tra uomini, donne e bambini, ha ispirato questo fantastico evento.

Un grande concerto il cui unico scopo è stato quello di raccogliere quanto di più utile possa servire a rendere meno difficile la vita di questa povera gente, la cui unica colpa è quella di abbandonare il proprio paese di origine ormai diventato terra di sottomissione, terrore e paura affidandosi ad organizzazioni di  mercenari senza scrupoli con la speranza di raggiungere una terra migliore.

L’idea, nata da una collaborazione tra Nkantu d’Aziz, Jackalone, LaVampa e Natiasud di Catania, con la partecipazione di Promomadonie-Sicilia di Castelbuono, Lions Club International di Palermo, Leo International,  Emergency Palermo, si è subito concretizzata.

Artisti provenienti da tutta la Sicilia si sono esibiti per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’emigrazione clandestina, in memoria delle numerosissime vittime senza nome uniti dall’amore fraterno per un mondo senza confini, tutti insieme per un unico scopo:

Aida Satta Flores, Ciaudà, Famiglia del Sud, Francesco Vannini e la Dinecessitàvirtù band, Lello Analfino dei Tinturia, Le Malerbe “from Iene”, Mimì Sterrantino, Nkantu D’aziz, Orchestra Popolare Rosa Parks, Renè Miri, Paolo Sinagra & the Willies, Qbeta “Trio”, TreTerzi, Pachira, Dalila e Taligalè.

Nessun “biglietto di ingresso”, più di 500 spettatori hanno risposto all’appello e donato beni di prima necessità che sono stati consegnati ai due parroci della chiesa di San Gerlando di Lampedusa, Don Mimmo e Don Giorgio che, nella loro chiesa di San Gerlando, ogni giorno ricevono la visita di tantissimi uomini, donne e bambini facendo esplicita richiesta di quanto hanno di bisogno per vivere la quotidianità.

All’iniziativa hanno aderito alcuni Comuni delle Madonie: Castelbuono, Cefalù, Collesano e Geraci Siculo coinvolti dall’Associazione PromoMadonie. Alla serata hanno partecipato Bartolo Vienna Sindaco del Comune di Geraci Siculo, Antonio Tumminello Sindaco del Comune di Castelbuono, Laura Leonardis Assessore del Comune di Cefalù e Jhonny Lagrua Presidente di PromoMadonie.

Soddisfazione alla fine della lunga maratona musicale è stata espressa all’unanimità da parte di tutti gli organizzatori e da tutti i presenti per il grande successo ottenuto.

Nella foto: Jhonny Lagrua, Francesca Mancinelli, Giorgia Butera, Bartolo Vienna Sindaco di Geraci Siculo e Denis D’Ignoti. (MetaLampedusa)

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.