“Refezione scolastica? La salute prima di tutto. Ecco i punti chiave dell’assessore Puccia”

By on 29 gennaio 2018

[Riceviamo e pubblichiamo] Venerdì 26 gennaio l’Amministrazione Comunale ha organizzato nei locali del Museo Francesco Miná Palumbo un incontro formativo-informativo sulle nuove tabelle dietetiche adottate per il servizio di refezione scolastica. L’evento è stato organizzato dall’Assessorato alla pubblica istruzione. Il responsabile del III settore dott. Vincenzo Schillaci ha coinvolto per la parte prettamente scientifica, relativa all’importanza e ai benefici di una alimentazione sana, il dott. Nutrizionista Gabriele Morici; per la parte pratica il personale addetto al servizio di refezione scolastica.
L’invito è stato rivolto al Dirigente Scolastico, ai responsabili di plesso, ai docenti e alle famiglie dei ragazzi. Obiettivo dell’incontro informare la comunità della scelta voluta fortemente dall’Amministrazione Comunale di adottare tabelle dietetiche nuove legate alla stagionalità dei prodotti e all’uso di materie prime locali. Infatti il dott.Morici, dopo avere illustrato quali sono i must di un sano, corretto ed equilibrato regime alimentare nella fascia di età dai 3 ai 14 anni, ha spiegato insieme al dott. Schillaci cosa vuol dire scegliere di utilizzare tabelle stagionali nella mensa scolastica. Sicuramente intento comune è il benessere dei ragazzi, per cui è sembrato opportuno coniugare selezione accurata degli alimenti, tipicità locale e equilibrato apporto calorico e nutrizionale, il tutto associato ad una cottura che tenga conto di queste variabili. È stato spiegato, inoltre, ai presenti, facendo riferimento a tabelle e grafici scientifici, a etichette, a precisi codici valoriali di riferimento, l’incidenza di una corretta è bilanciata alimentazione associata al movimento fisico sulla prevenzione di patologie endocrine, metaboliche, tumorali.
La seconda parte dell’ incontro è stato centrato sugli interventi dei presenti i quali, pur riconoscendo l’importanza salutare della nuova dieta alimentare, riferiscono alcune criticità relative alla combinazione di alcuni cibi e concordano sulla scarsa curiosità dei loro figli a provare piatti e alimenti diversi. Emerge che I ragazzi vogliono mangiare sempre le stesse cose e la scarsa abitudine alle verdure.Viene ribadito quanto importante ed educativo è abituare a scuola e a casa i giovani ad avere un rapporto più “interattivo” con il cibo, la mensa è un luogo didattico educativo per iniziare questo processo sinergico tra comune scuola famiglia, tutti al servizio dei minori/figli/scolari uscendo fuori dalla logica erogatori/ fruitori. Gli operatori del settore intervengono e si impegnano ognuno dalla propria parte a cercare di aggiustare il tiro per rendere questo servizio più alla portata di tutti gli utenti.
Si ringraziano i docenti per la loro fattiva collaborazione sia nel momento della gestione del pranzo che durante lo svolgimento di quest’ultimo in cui essi continuano a prendersi cura dei ragazzi a tal proposito la mensa può considerarsi un servizio della scuola e non per la scuola. Tutti auspicano, inoltre, il protrarsi di altri incontri di questo genere per costruire un confronto costruttivo e operativo tra la comunità scolastica, le famiglie e l’Amministrazione Comunale.
L’Assessore alla Pubblica Istruzione
Marienza Puccia

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi