Ricercatori in arrivo al Sud: più di 900 nuovi posti negli Atenei del Meridione

By on 3 Mar 2018

Qui a Castelbuono, siamo sempre molto orgogliosi di apprendere degli importanti risultati conseguiti dai nostri ricercatori e dalle nostre ricercatrici, e noi di Castelbuono.Org siamo più che lieti di darne notizia, dedicando loro l’attenzione che meritano, tanto più quando sono giovani talenti che possono sicuramente distinguersi ancora nel loro campo in futuro. Sappiamo quanto sia importante fornire loro tutti gli strumenti più idonei per poter coltivare le loro menti e far crescere le loro idee rimanendo nella loro terra d’origine, se è questo quello che desiderano. Ci sembra quindi importante segnalare un piano come quello varato dal Miur qualche giorno fa, che prevede l’assunzione di circa 2200 nuovi ricercatori nelle Università di tutta Italia. Tra questi, più di 900 saranno destinati agli Atenei del Sud. Il provvedimento rappresenta in buona parte l’attuazione dell’ultima legge di bilancio ed è stato varato in extremis, come dichiarato da Valeria Fedeli, Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, “come decisione strategica che guarda al futuro, per renderci più competitivi nel panorama internazionale”.
Le motivazioni dietro un investimento cosí sostanzioso nel Sud sono principalmente due: da un lato, il riconoscimento di dati allarmanti che riguardano gli atenei del meridione: non è un mistero infatti che negli ultimi anni questi siano stati spesso penalizzati, con una diminuzione dei finanziamenti e un aumento delle tasse universitarie. Questo ha comportato conseguenze molto preoccupanti specialmente nel numero degli iscritti, che sarebbe addirittura diminuito del 25%. La seconda motivazione è quella di tentare di riportare in Italia, e in particolare nel Sud, tutti quei cervelli che, per mancanza di una giusta valorizzazione nel loro territorio d’origine, fuggono all’estero dove – nella maggior parte dei casi – sono più apprezzati. Il piano prevede quindi l’assunzione nel Sud di 352 ricercatori di tipo “A” (ossia che possono successivamente aspirare alla cattedra) e circa 600 posti di tipo “B” (che invece non approdano alla docenza). 

Segnaliamo l’articolo de Il Sole 24 Ore per una descrizione più dettagliata del piano di assunzioni e dei dati a esso connessi.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi