Sebastiano Alessi. A 35 anni dal delitto, nessun colpevole

Il Giornale di Sicilia di stamattina, 2 settembre 2018, dedica un lungo articolo a firma di Giuseppe Spallino all’ultimo omicidio verificatosi a Castelbuono, quando  – il primo settembre del 1983 – venne ritrovato il corpo del contadino Sebastiano Alessi nel suo terreno di contrada Piano Grande, ucciso con colpi di spranga alla testa.

Una vicenda – recita l’articolo – di cui si parlò anche a livello nazionale e che all’epoca destabilizzò diverse famiglie: dai familiari ai primi sospettati, poi dichiarati del tutto estranei e assolti con formula piena. Le indagini difensive del pool di avvocati – composto da Mario Lupo, Giuseppe Seminara e dal praticante Gioacchino Genchi, poi sostituito da Nuccio Di Napoli – riuscirono a dimostrare la non pertinenza di una presunta prova e l’impossibilità ad essere presenti dei tre sospettati nel giorno e ora dell’omicidio.

Un «cold case», a distanza di 35 anni, del tutto irrisolto.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.