Servizio de “le Iene” sui presunti abusi nel santuario di PadrePio. Padre Domenico risponde al comunicato stampa del convento

Ricorderete il servizio de le Iene in cui vi segnalavamo la partecipazione di Padre Domenico Costanzo (qui il link), testimone degli abusi perpetuati ai danni della sig.ra Anna Verde durante il proprio servizio lavorativo presso il convento di San Pio a San Giovanni Rotondo. Al clamore scaturito per la denuncia lanciata dalla celebre trasmissione televisiva di Italia1, ne è seguita una fiaccolata di alcuni manifestanti in “difesa di Padre Pio” – di cui abbiamo dato notizia – sollecitata in qualche modo dalla ferma replica dei dirigenti del convento, affidata ad un comunicato stampa del 27 marzo 2015 che qui alleghiamo. Castelbuono.Org non avrà l’autorevolezza necessaria per contrapporsi alla “potenza di fuoco” dell’ufficio stampa del convento santuario, però non ci vogliamo sottrarre dal sostenere il nostro Padre Domenico Costanzo, che ben conosciamo per rettitudine e onestà, nel rispondere al passaggio in cui il comunicato stampa dei frati cappuccini di San Giovanni Rotondo liquida l’attendibilità della testimonianza del nostro con un “due Frati Cappuccini della Sicilia, che hanno dimorato a San Giovanni Rotondo solo per pochissimi giorni […]  L’inverosimiglianza di tali dichiarazioni emerge chiaramente dalle circostanze di tempo e di luogo esposte, che rendono la versione fornita non solo priva di qualsiasi fondamento, ma anche illogica e poco credibile.”
Quanto pubblichiamo di seguito è invece la plateale dimostrazione di almeno due verità che smentiscono il comunicato: primo, che Padre Domenico ha partecipato alla vita del convento per ben quattro estati (dal 2010 al 2013) e soprattutto – secondo – che il “caso” delle molestie era ben manifesto al nostro frate già due anni fa, al punto da premurarsi a scrivere in più occasioni agli organi ecclesiastici superiori e persino al Papa.  Altro che “illogica e poco credibile” quindi: dalle parole di allarme con cui Padre Domenico, già nell’ottobre del 2013, provava a segnalare il pesante clima di disprezzo e di umiliazioni che registrava – con i propri occhi – ai danni della sig.ra Verde, si evince quanto la risposta dei frati cappuccini di San Giovanni Rotondo sia del tutto “tecnica” ma ancora una volta lontana dalla volontà di indagare e affrontare nel merito le gravi accuse rivoltegli.
La Redazione

 

 

« Cari fratelli Cappuccini, per puro caso ho avuto fra le mani un foglio “comunicato stampa” 2/2015 e alcuni tratti di giornale, editi a seguito della “trasmissione delle Iene” e leggo, tra le righe, una frase che mi riguarda: “due frati cappuccini siciliani che hanno dimorato, solo pochi giorni, a San Giovanni Rotondo, hanno testimoniato per Anna Verde, ex dipendente del convento dei frati di SGR.… E poi, a seguito… “la loro testimonianza non è valida, appunto perchè in pochi giorni non potevano avere una cognizione globale dei fatti“.

Cari fratelli Cappuccini di SGR, io, fr Domenico Costanzo, sono uno dei due frati cappuccini siciliani e vi assicuro che sono stato tra voi, uno di voi e con voi per quattro estati, dal 2010 al 2013, più tutto il mese di settembre 2013 (e il mio collega ha dimorato per un periodo ancora più lungo); ho lavorato nell’ambito della Pastorale e la liturgia e ho avuto modo di seguire da vicino e da lontano le vicende della “passione” di Anna Verde, e questo ve lo dimostro tramine due lettere che io ho trasmesso ai Ministri Provinciale e Generale cappuccini, che vedevo particolarmente assenti nei momenti drammatici che Anna Verde viveva in ragione del vostro sistema persecutorio contro di lei, assolutamente immotivato. Certamente voi non avete avuto la possibilità di conoscerle, appunto perchè indirizzate ai soprannominati Ministri.
La prima lettera – Racc. A:R – è indirizzata al P:provinciale Colacelli e p.c. al Gen.le Fr Mauro Johri. Di esse, lettere, non ho avuto risposta, ma nemmeno contestazioni, rilievi o altro. Ve le allego di seguito così come sono nate.

F.to Padre Domenico Costanzo »

 

 

padredomenico-annaverde8

Lettera al Santo Padre, Papa Francesco – 31/10/2013

1 commento

  1. Conosco padre Domenico da anni essendo stato il mio professore di religione nell’allora Liceo scientifico ”E.Medi” di Castelbuono; persona di rara rettitudine, mitezza, apertura verso il prossimo e di grandissima capacità di ascolto. Non ho alcun dubbio che si sia prodigato per questa ragazza, ne meno che mai, che la sua testimonianza sia vera! Mi chiedo solo cosa stia facendo la Chiesa per questo caso, sicuramente non isolato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.