Sicurezza al municipio, il GdS ritorna sulla notizia delle sanzioni e della denuncia a carico del sindaco

By on 23 novembre 2017

Sempre in riferimento all’articolo del Giornale di Sicilia di qualche giorno fa sulle sanzioni a danno del Comune, e a cui ha fatto seguito ieri la risposta del Sindaco, sullo stesso giornale è stato pubblicato ieri un nuovo articolo a firma di Giuseppe Spallino. Nello stesso vengono riportati i chiarimenti espressi ieri dal Sindaco ed al tempo stesso la conferma dell’indagine avviata dai carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Palermo e dei carabinieri della stazione di Castelbuono sulle violazioni al testo unico in materia di sicurezza sul lavoro. Accertamenti iniziati dopo la scelta del primo cittadino di far chiudere l’ingresso principale del municipio, per fare aprire solamente l’ingresso laterale.

Il quotidiano di via Lincoln riporta la versione dei fatti del sindaco Mario Cicero secondo cui sono state solamente avviate le procedure amministrative previste in materia, ma nello stesso tempo nell’articolo si ribadisce che per le violazioni riscontrate durante l’ispezione “i militari dell’Arma hanno sanzionato amministrativamente il Comune di Castelbuono per un importo di oltre 10 mila euro e deferito in stato di libertà il sindaco Mario Cicero alla Procura di Termini Imerese, come risulta dagli atti depositati all’ufficio inquirente guidato dal magistrato Ambrogio Cartosio, che nei prossimi giorni farà i dovuti approfondimenti“.

Il blitz dei carabinieri – continua l’articolo – aveva riscontrato che l’ultimo aggiornamento del Documento di violazione dei rischi risale al 2009. Inoltre si sarebbero dovuti fare ogni anno dei corsi per i dipendenti comunali designati come responsabili della sicurezza sui luoghi di lavoro, ma non sono stati mai fatti. Da qui le contestazioni amministrative e penali, che adesso saranno vagliate dalla Procura termitana“.

«Prendo atto – dichiara invece il primo cittadino – che i carabinieri avrebbero deciso di sanzionare il Comune e denunciarmi alla Procura della Repubblica, anche se al momento non ci risultano riscontri formali. Mi preme, però, sottolineare che il sottoscritto si è insediato alla carica di sindaco nel mese di giugno di quest’anno e come dimostrano i verbali delle conferenza di servizio, oltre la corrispondenza intercorsa con gli uffici preposti, lo scrivente si è da subito adoperato affinché si potesse mettere il datore di lavoro nelle condizioni di poter attivare tutte le procedure amministrative in modo tale che l ’ente potesse rispettare le normative in questione la cui attuazione, di fatto, è stata trascurata dal 2010 ad oggi».

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi