Top Ten Sud America – Città

By on 5 luglio 2017

Alla fine di un viaggio lungo 9 mesi è normale tirare le somme di ciò che è stato. Lo faccio con delle classifiche sui piatti più buoni, le cose più belle che abbiamo visto, i paesaggi più incantevoli e le città più interessanti da vivere.

Sono classifiche del tutto soggettive. Nel caso del cibo, ad esempio, è bene considerare che la mia compagna di viaggio è vegetariana, e in Sud America ha ridotto drasticamente la gamma dei piatti che lei ha provato del 95% circa.

Poi è giusto sottolineare che non abbiamo visitato proprio tutto il Sud America, ma solo Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia, Cile e in Argentina la sola Buenos Aires. Mancano all’appello paesi importanti come il Brasile o il Venezuela, e tutta la Patagonia.

10° – LA PAZ

Con i suoi 3700 metri di altitudine è la capitale più alta del mondo. Ma aldilà delle nozione da scuola elementare La Paz è una città speciale: caotica e rumorosa e con una sua identità. Assolutamente impossibile resistere alla tentazione di perdersi tra i suoi mille mercati cittadini, lasciarsi impressionare dai feti di lama appesi fuori dai negozi o le pozioni per risolvere ogni tipo di malattie o per far innamorare o allontanare un pretendente. Per le strade del centro si incontrano le coloratissime cholitas, con i loro abiti coloratissimi e le gonne giganti.

 

9° – POTOSÌ

Restiamo in Bolivia con quella che durante l’era coloniale era la città più ricca del continente e del mondo. Perché Potosì era sinonimo d’argento, grazie al cerro rico, il colle pieno d’argento che ne ha contraddistinto il passato glorioso e la decadenza attuale. Il fascino della città sta proprio nel notare dettagli e particolari di una città che fu splendente e provare ad assaporarne il sapore attraverso i ricordi e le leggende. Non abbiamo avuto il coraggio di fare il tour con i minatori all’interno del cerro perché estremamente duro e claustrofobico, però dicono che, prese le dovute precauzioni, ne valga la pena.

 

8° – SANTIAGO

La capitale del Cile, pur non essendo una città bella esteticamente, merita una visita per i luoghi simbolo dell’assurda storia politica del paese. Oltre a questo ci sono diversi musei molto interessanti, luoghi dei miti dell’arte della cultura. In particolare la casa di Pablo Neruda, il museo di Violeta Parra e il museo della memoria.

 

7° – BAÑOS DE AGUA SANTA

Baños è la capitale ecuadoriana dell’avventura. Si possono fare tutti gli sport estremi possibili e immaginabili e stupende passeggiate attraversando un canyon che per diversi chilometri separa due vallate. Li in mezzo ci sono diverse cascate e sentieri da non perdere. La cittadina la sera è un po’ spenta per chi cerca qualcosa di diversa dal divertimento pre confezionato per turisti.

 

6° – POPAYAN

La città bianca coloniale è uno dei gioielli meno noti della Colombia. Quando siamo stati doveva essere solo una tappa di passaggio, invece siamo rimasti quasi una settimana. Affascinante, generosa, tranquilla, offre il meglio per chi vuole staccarsi dai percorsi turistici convenzionali. Assolutamente da non perdere il tramonto dai colori cangianti, visto dalla collinetta centrale. A ragione, è considerata la capitale gastronomica della Colombia.

 

5° – CUZCO

Cuzco è famosa ai più per la vicinanza con il Machu Picchu e per essere stata la capitale dell’impero Inca. Abbiamo scoperto essere molto di più. Oltre alla miriade di tour che si possono fare nei dintorni, per cui il tempo che si trascorre lì sembra sempre troppo poco, la città in se offre tanto. Il consiglio è di avventurarsi per le stradine della parte vecchia della città, i quartieri alti, e perdersi camminando.

 

4° – BOGOTÀ

Bogotà è la capitale del paese più sorprendente del Sud America. E si vede. È frizzante, autentica, moderna. Gli altri colombiani diranno che i rolos, gli abitanti di Bogotà, sono i più freddi e distaccati di tutti. Non è vero. Trascorrendo il proprio tempo alla Candelaria ve ne renderete conto e vi verrà voglia di fermarvi lì, magari anche a viverci. Non dimenticate di visitare il museo di Botero e di fare un tour della street art.

 

3° – VALPARAISO

Splendido gioiello che si affaccia sul mare, Valparaiso è la punta di diamante del Cile e musa ispiratrice di artisti e poeti. Piena di colori, attira visitatori e viaggiatori nei suoi caratteristici cerros. Dicono sia prudente scegliere di dormire nei quartieri più turistici, ad ogni modo bisogna girare a piedi e salire e scendere tra le sue vie inerpicate. Per i più pigri esistono una serie di ascensori storici in legno che oltre a rendere più lieve la salita è un’esperienza che merita già di suo.

 

2° – MEDELLIN

Non si può dire che sia una bella città, però ha qualcosa di meraviglioso. Sarà lo spirito, l’intraprendenza dei paisas (gli abitanti della regione di Medellin), il fatto che 20 anni fa era la città più pericolosa del mondo e ora sta vivendo una vera e propria rivoluzione culturale, ma Medellin ti prende e non ti lascia più. Oltre ai quartieri più amati dai turisti consigliamo di frequentare i quartieri storici e più autentici, oltre al tour nella comuna 13, il quartiere simbolo della guerra del narcotraffico, adesso trasformata completamente o nel vicinissimo parco Arvì, oppure al Peñol del Guatape e sicuramente al museo della memoria. #nonsolopabloescobar

 

1° – BUENOS AIRES

Affascinante, unica, malinconica. La capitale del tango ha lasciato un ricordo indelebile nel nostro viaggio. Non si può descrivere la magia di questa città in poche parole (anche se c’ho provato in questo pezzo). Sono troppe le cose che ci sono e che consiglierei. Di certo non si può evitare di visitare i quartieri Sant’Elmo, Boca e Palermo. Splendido anche il cimitero della Recoleta. Imperdibile una notte in una milonga tradizionale, cioè il salone da ballo che ospita gli amanti del tango (anche i principianti).

A proposito di Alessandro Piro

Trentunenne laureato in Ingegneria Gestionale, musicista amatoriale, è un abituale frequentatore del blog con lo pseudonimo Aneurisma e cura la rubrica settimanale OltreFiumara con cui ha la pretesa di "castelbuonesizzare" tutto ciò che avviene oltre le cinta murarie.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi