“Trinakria – Angoli segreti” racconta storia e leggende del Castello di Castelbuono| Video servizio

By on 21 luglio 2018

[ilSicilia.it] Se dici Castelbuono non puoi non andare a vedere il suo imponente castello che troneggia sulla piazza. “Trinakria – Angoli segreti” la rubrica de ilSicilia.it, che racconta storie delle straordinarie bellezze culturali e architettoniche di questa meravigliosa terra, vi porta a conoscere leggende, aneddoti, storia del castello di Castelbuono attraverso i racconti del presidente del Museo Civico, Angela Sottile.

La storia di questo castello è legata a quella della sua città e alla famiglia Ventimiglia. La leggenda racconta che “Il Conte Francesco I di Ventimiglia in una delle sue passeggiate con la moglie Costanza Chiaramonte affacciandosi su questo paesaggio soleggiato se ne sia innamorato e abbia deciso di costruire a Castelbuono il castello dei Ventimiglia” racconta Angela Sottile che continua “Ma al di là della leggenda in realtà il castello è stato costruito a scopo difensivo e quindi nasce dalla necessità dei Ventimiglia di controllare il territorio delle Madonie“.

castelloNel 1454 il castello venne trasformato da fortezza a sede principale della famiglia Ventimiglia che da Geraci si trasferirono a Castelbuono, portando con loro le reliquie del teschio di Sant’Anna, la patrona del paese, che sono custodite all’interno della cappella che fu decorata dai fratelli Giuseppe e Giacomo Serpotta, i cui splendidi stucchi, a differenza di quelli degli oratori palermitani, sono stati realizzati su fondo oro zecchino, elemento che li impreziosisce ancora di più.

Nel 1920 il castello è stato acquistato dai castelbuonesi che a seguito della decadenza dei Ventimiglia e del loro potere sul territorio è stato messo all’asta, così per non perderlo fecero una colletta popolare e lo acquistarono per ventimila lire. Questo legame così forte è rafforzato dalla presenza del Museo Civico di Castelbuono, diretto da Laura Barreca, e che racconta attraverso le sue collezioni di arte sacra, archeologica, urbanistica e contemporanea la vita passata e attuale di Castelbuono.

Ma come si sa noi siciliani siamo appassionati di leggende e ce n’è una in particolare che tocca il cuore dei castelbuonesi: “Si racconta – dice Angela Sottile – che la povera Costanza Chiaramonte prima moglie di Francesco I Ventimiglia non potendo avere figli sia stata rinchiusa in una delle stanze presenti nel primo piano del Castello e fu lasciata morire lì. La leggenda narra che il suo fantasma si aggiri all’interno di queste stanze spostandosi aprendo le porte e non attraversando le pareti perchè troppo pesante. Infatti, dice sempre la leggenda che quando fu ritrovato il corpo della donna la stanza era totalmente spoglia dei suoi mobili e questo fa pensare che fu lei a mangiarseli”.

Ma parlando di attualità c’è in cantiere un progetto molto voluto e sentito dalla comunità castelbuonese che consiste nell’abbattimento delle barriere architettoniche “Si tratta di un intervento reso possibile – afferma Angela Sottile – grazie all’interessamento e finanziamento di Fondazione con il Sud insieme al comune di Castelbuono rappresentato dall’attuale sindaco Mario Cicero, quindi l’Amministrazione e il Museo Civico stesso che si sono impegnati anche economicamente per sostenere questo progetto che parla di accessibilità e civiltà. Questo permetterà a tutti di poter visitare e conoscere il Castello dei Ventimiglia“.

Per il resto lasciamo a voi il piacere di guardare il video servizio per scoprire altre curiosità e leggende legate al castello.

A proposito di Redazione

La Redazione di Castelbuono.Org, deus ex machina del progetto sin dal 2007, coordinata da Michele Spallino.

Effettua il log in per postare un commento Login

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare ad usare il sito, accetta i cookies. Leggi la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi