Tutti a tavola?.per aiutare la Tanzania

A cena per beneficenza: solo venti euro a testa per donare, agli abitanti del villaggio Ikowa in Tanzania, un tronco di condotta dell?acqua. Sono stati quasi 70, castelbuonesi e non, i cittadini che lo scorso tre gennaio hanno partecipato all?iniziativa di solidarietà promossa dal comune di Castelbuono e dal ?Club Acqua è Vita? in collaborazione con LVIA (associazione italiana laici volontari). L?appuntamento, in un clima di festa natalizia, ha avuto come scenario il refettorio della scuola elementare San Leonardo. Il Club, nato ormai più di un anno fa, si impegna nella promozione di iniziative di solidarietà riuscendo a concretizzare aiuti verso le popolazioni più disagiate del mondo. Tra questi la costruzione di una rete idrica in Tanzania, un territorio dove infiniti sono i problemi legati alla questione della potabilizzazione dell?acqua. Un progetto ambizioso, di quasi tremila euro, che finalmente potrà prendere il volo. Già lo scorso infatti erano stati raccolti i primi aiuti. In quel caso era stato lo stesso sindaco Mario Cicero a servire ai tavoli. La cena – dice la consulente per la politica per la pace Concetta La Grua – è il frutto di entusiasmo, disponibilità e collaborazione resi possibili soprattutto per volontà delle persone che si sono ritrovate, accomunate dal desiderio di promuovere non solidarietà fine a se stessa, quanto giustizia sociale tra popoli, provando ad attenzionare chi non possiede nulla, senza per questo togliere a chi ha già qualcosa?. Otime le coreografiche pietanze a base di carne, pesce e prodotti tipici madoniti, realizzate per l?ccasione dal Club Cuochi Castelbuono con alla guida lo chef Antonio Maiorana. Le bevande sono state offerte dall?Azienda vinicola ?Abbazia Santa Anastasia? e da ?Acqua Geraci?.