?Borsellino sia beatificato?. Proposta del vescovo di Cefal?

[LAVOCEWEB] Il sacrificio di Paolo Borsellino, la sua vicenda umana e la sua fede raccontano la storia di un uomo che va portato all’onore degli altari. Il vescovo di cefal? ha proposto per lui l’avvio di un processo di beatificazione al culmine della fiaccolata dell’Agor? che questa sera ha attraversato la citt?. I giovani hanno acceso i riflettori sul silenzio di questi 19 anni dalla strage di via D’Amelio. Lungo il corso Ruggero sono stati stesi dai residenti lenzuoli bianchi e striscioni con frasi sulla legalit? e sulla libert?, come quello esposto dal cinema Di Francesca.

Il corteo ha preso il via a piazza Diaz, sede della villa comunale, e si ? mosso verso piazza Duomo, dove si ? tenuto un flash mob, attimo in cui al suono del silenzio tutti i partecipanti sono rimasti immobili mentre dalla facciata del Comune si ? srotolato un lenzuolo con dipinto il volto di Borsellino e con una frase in favore delle legalit?.

Il corteo ? continuato fino al molo antico della citt?, dove si ? tenuta la pubblica agor? durante la quale il vescovo Vincenzo Manzella ha preso la parola per chiedere che ai giovani venga dato spazio: vengano lasciati liberi di agire perch? quando agiscono sanno creare momenti di grande partecipazione, come nella manifestazione a cui hanno preso parte migliaia di persone.
Il vescovo ha anche aggiunto che, dal suo punto di vista, per Paolo Borsellino ci sono tutti gli elementi per avviare un processo di beatificazione. Una proposta che ? rimbalzata tra i partecipanti e ha dato il via a un lungo applauso di condivisione. La manifestazione si ? chiusa con il discorso di Manfredi Borsellino che ha ringraziato Cefal?, paese in cui lavora, e i giovani che di cui giorno dopo giorno ha potuto apprezzare il coraggio e la partecipazione.

Tra gli intervenuti della serata, particolarmente toccante anche l’intervento del presidente nazionale dell’antiracket, Pippo Scandurra, accompagnato in corteo dalla sua scorta.

19.07.2011
Benedetta Castiglia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.