24 Febbraio 1819: il terremoto di Castelbuono, nel palermitano

Terremoto-Palermo-1819_1024x727-640x454

 

[meteoweb.eu] Il 24 Febbraio 1819, quindi 197 anni or sono, una forte scossa colpì il centro di Castelbuono, nell’entroterra di nordest della provincia di Palermo. L’evento, che ebbe una magnitudo stimata fra 5.3 e 5.4, raggiunse un’intensità massima dell’VIII grado della scala Mercalli, provocando quindi notevoli danni nei luoghi più vicini all’epicentro. L’intera area montuosa della catena delle Madonie rimase in rovina e si contarono anche 3 vittime per il disastro, in un territorio già interessato da una forte crisi economica e sociale che si protraeva almeno da un secolo. Inoltre, le condizioni di povertà della popolazione locale, soprattutto sul versante settentrionale delle Madonie, fu appesantito da un successivo evento tellurico, avvenuto il 5 Marzo 1823. La ricostruzione dei centri colpiti fu molto lunga. Danni più o meno gravi furono registrati in almeno 12 centri nella provincia di Palermo.

La costa settentrionale dell’Isola di Sicilia, da Palermo a Messina, è stata soggetta a molti terremoti anche particolarmente intensi. Tuttavia, la provincia di Palermo ha una sismicità che è considerata meno elevata rispetto a quella che si manifesta nella Sicilia nordorientale, fra Messina e Reggio Calabria, dove in effetti sono avvenuti alcuni fra i più forti terremoti nella storia del Nostro Paese.

 

Terremoto-Palermo-Sismicità-Sicilia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.