A Castelbuono si «raddoppia». In Promozione il centro madonita potrebbe avere due squadre

[LA SICILIA – Andrea Giarrusso] Non sarà fenomenale ma poco ci manca. Sembrerà eccessivo ma in un’epoca di forte crisi economica e, per certi versi, anche sociale, il ridente paese di castelbuono, sulle Madonie, con quasi dieci mila abitanti, non sembra risentirne, prova ne è che nella prossima stagione ci saranno ben due squadre ambiziose ai nastri di partenza: in Promozione la Polisportiva Castelbuonese, che ha vinto sul campo il campionato; e, in Prima categoria l’Asd Castelbuono 1975, dopo la fusione con la Termitana, e con la possibilità di ripescaggio.
«Il successo del mio club è frutto della programmazione e del lavoro svolto in questi anni – dice Fabio Capuana giovane ed intraprendente presidente della Castelbuonese -. Siamo riusciti a portare in tre anni la squadra dal gradino più basso fino in Promozione: c’è grande euforia. Non vogliamo fare il passo più lungo della gamba e per la prossima stagione contiamo, come obiettivo primario, di salvarci prima possibile: manterremo la stessa intelaiatura che ha vinto il campionato, con qualche ritocco, consapevoli della differenza che comporta il salto di categoria».
Il club granata è già al lavoro da settimane. «Ci siamo mossi sul mercato – aggiunge il massimo dirigente – con l’acquisto del centrocampista Fabio Lipari, di Davide Mezzapelle, di Samuele Giglio e del fantasista Minardi. Oltre ai riconfermati Simone Antista, bomber della squadra, del capitano Federico Città e di Giuseppe Occorso».
E sull’altra sponda, non si sta a guardare, infatti, si registra il ritorno dell’Asd castelbuono 1975 che grazie al titolo della Termitana accede in Prima categoria, ma potrebbe essere solo una tappa di passaggio. «Faremo sicuramente la domanda di ripescaggio – ammette Liborio Prestianni, vicepresidente del sodalizio biancorosso -, e se dovesse essere accolta ne saremo felici, in ogni caso lavoreremo per fare una squadra competitiva che possa ben figurare in campionato e magari vincerlo. La concorrenza della Castelbuonese? È servita a riaccendere l’entusiasmo in paese. Anche, noi puntiamo alla valorizzazione dei nostri giovani locali: sono tornati Cicero e Schicchi reduci da un buon campionato in Promozione con il Cefalù, ma siamo in trattative anche per Marandano». Non solo prima squadra ma anche il settore giovanile è tenuto in considerazione dai dirigenti del castelbuono. «Speriamo di organizzare una squadra Juniores – ha poi continuato Prestianni -, oltre a quelle già collaudate Allievi e Giovanissimi: quest’ultimi lo scorso campionato si sono piazzati al secondo posto in classifica».
Il paese si appresta a vivere una lunga estate che potrebbe portare alla fine due compagini in Promozione con la possibilità di giocare uno storico e inedito derby.
«Se ci sarà la stracittadina – conclude Capuana – il “Failla” sarà tutto esaurito, perché tanta è la voglia di calcio nel nostro paese: una terra virtuosa che sa costruire, noi siamo partiti dalla Terza categoria e adesso siamo giunti a questo traguardo».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.