“A nuvena di Natali”

Giorno 16 dicembre ha inizio la novena di Natale un tempo forte per la cerimonialità castelbuonese. Fino ai primi decenni del novecento, un gruppo di zampognari svegliava ogni mattina l’abitato all’alba, invitando a recarsi alla novena presso la chiesa di Sant Antonio Abate. L’ora consentiva ai lavoratori di essere presenti. Ad organizzare e pagare le spese per queste celebrazioni era la confraternita di Maria SS. Immacolata.
In chiesa si intonava u viaggiu dulurusu e altre canzonette ancora per lo più conosciute a Castelbuono. Anche i frati cappuccini, fino ad un ventennio fa, celebravano la novena all’alba. Oggi soltanto la confraternita dell Addolorata conserva e rende vivo questo antico uso, sebbene siano scomparse le zampogne, presso la matrice vecchia dinnanzi l’ altare della propria Madonna. Nelle altre chiese u viaggiu si canta ormai la sera.
Ma la novena di Natale non restava confinata dentro chiese ed oratori, usciva fuori, invadeva le strade e coinvolgeva l intero paese. Le edicole votive si paravano a festa con corone di sparacogna, murtiddra, daviru, aranci, limuna e mannarini. Si accendevano diverse candele e si mettevano cesti con fichi secchi, noci, carrube e sementi. Spesso si accostavano figurini in terracotta e animaletti di formaggio mentre immancabili erano i laureddra. Queste edicole così ben apparate ( o gli altarini costruiti in casa a mò di presepe odierno) erano visitate da gruppi di cantori che, dietro compenso, cantavano parti del viaggio, canzuneddri e orazioni. Le performance avevano luogo per l intera giornata in punti diversi del paese. Alcuni artigiani, abili nel suonare, si impegnavano invece a tenere la novena ogni sera presso la stessa edicola votiva a cui erano legati o addirittura all interno della propria attività dove un quadro della sacra famiglia o del solo San Giuseppe riceveva i dovuti onori.
Ad oggi l unico gruppo che si impegna a perpetuare questa bella tradizione sono i Lorimest, che con forza e costanza sfidano il tempo e il clima per rendere onore a Gesù Bambino sulle note lasciateci dai nostri padri.

IL TESTO DU VIAGGIU che ad oggi si canta si diffuse nella seconda metà del settecento ed è una rielaborazione del testo di Antonio Diliberto, canonico monrealese che scriveva sotto lo pseudonimo di Binirittu Annuleru. Per degnamente concludere ecco il testo del primo giorno. Buona Novena di natale.

’Ntonu:
A Maria cui porta affettu
di Giuseppi cui fa cuntu
s’avi cori ‘ntra lu pettu
senta senta stu gran cuntu
du viaggiu dulurusu
di Maria cu lu so spusu
PRIMU JORNU o Jornu du ‘ntonu
San Giuseppi jornu stannu
‘ntra la chiazza i Nazaretti
pi so affari camminannu
senti un sonu di trummetti
senti leggiri un edittu
ca lu cori assai cci ha afflittu.
Chistu edittu cuntinia
c’ogni omu d’ogni etati
iri a scrivirisi duvia
a la propria citati
e in tributu pua paari
quarchi summa di dinari.
A sta nova nfausta ria
San Giuseppi cuntristatu
Jiu a casa e a Maria
ccussi dici adduluratu
Oi Chi nova dulurusa
ia vi puurtu amata spusa!
Oh! Che edittu pubblicaru
‘ntra la chiazza or ora ntisi
Gran camminu divu fari
e patiri alcuni spisi
e ia afflittu ppi ubbidiri
a Betlemme divu iri
divu iri a Betlemme
stu viaggiu divu fari
o sia sulu o ccu vui insiemi
sempri peni aju a pruvari
o sia sulu o accumpagnatu
sarò sempri adduluratu
si vi lassù: ahi! Pena ria
sentu spartirimi lu cori
Si vi portu in cumpagnia
Oh cchi pena e crepacori!
E cchi fari nnu sacciu ancora
l’unu e l’autru assai m’accora
A st’affettu dulurusu
di lu spusu sua dilettu
ccu paroli assai amurusi
cci rispunni tutt’affettu:
La divina voluntati
ccussì voli ca partemu
vegnu unni mi purtati
nun fa nenti si patemu
Jamuninni tutti dui
avrà Diu cura di nui
Si lu nostru mperaturi
nui cumanna di partiri
lu duvemu nui ubbidiri.
Cori granni, o spusu mia,
ccussi voli lu mia Dia

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.