“A stragi da Purtedda”. Video dal concerto del 2003 dei Taberna Mylaensis a Castelbuono

Il primo maggio abbiamo ricevuto un regalo insolito da un caro amico di Castelbuono.Org, collaboratore di vecchia data e “miniera” (dal quale speriamo di continuare ad attingere tanto). La “giornata dei lavoratori” è, specie in Sicilia, occasione per richiamare alla memoria la strage del 1° maggio del 1947 quando, a Piana degli Albanesi avvenne l’eccidio di 11 contadini inermi, riunitisi a festeggiare, trivellati di colpi dalla banda di Salvatore Giuliano.

I mandanti di quella strage furono presto identificati in esponenti mafiosi e in forze politiche reazionarie, anche dell’indipendentismo siciliano e con il supporto statunitense, intenti ad intimidire le iniziative dei contadini che reclamavano la terra e appoggiavano i movimenti di sinistra.

Il 30 agosto del 2003 a Castelbuono, nell’area del posteggio adiacente alla fontana all’ingresso del paese, si tenne un memorabile concerto dei Taberna Mylaensis.

Per ricordare quella serata ai tanti presenti, e soprattutto l’eccidio di Portella delle Ginestre, riceviamo e pubblichiamo con grande piacere il video del brano “A stragi da Purtedda“, su un testo – che riportiamo di seguito – di Ignazio Buttitta.

Nni lu Chianu da Purtedda

chiusu nmenzu a dui muntagni

c’è na petra supra l’erba

pi ricordu a li cumpagni.

All’additta nni sta petra

a lu tempu di li Fasci

un apostulu parrava

pi lu beni di cu nasci. (*)

E di tannu sinu ad ora

a Purtedda da Jnestra

quannu veni u Primu Maggiu

c’è u populu e fa festa.

Giulianu lu sapía

ch’era a festa di li poviri

na jurnata tuttasuli

doppu tantu tempu a chiòviri.

Cu ballava, cu cantava,

cu accordava li canzuni;

e li tavuli cunzati

di niciddi e di tirruni.

Zitu e zita cu la manu

nni la manu cu li caddi;

zitu e zita chi caminanu

e si strícanu li spaddi.

Ogni asta di bannera

era zappa vrazzu e manu,

e la terra siminata

era furnu pani e granu.

La speranza di un dumani

chi fa u munnu na famigghia

la vidíanu vicinu

e cuntavanu li mugghia.

L’oraturi di ddu jornu

era Jàpicu Schirò,

dissi, Viva U Primu Maggiu!

e la lingua ci siccò.

Di lu Muntu La Pizzuta

Giulianu e la so banna

non lintaru di sparari

e la straggi fu cunnanna.

A tappitu ed a vintagghiu

mitragghiavanu la genti

comu fàuci ca mètinu

cu li vampi nni li denti.

Scappa a fudda, spavintata,

nni lu chianu e grida, aiutu!,

e currennu jsa i vrazza

pi difisa comu scutu.

E li matri cu lu ciatu,

cu lu ciatu senza ciatu:

figghiu miu! e corpu e vrazza

comu ghiòmmaru aggrappatu.

Pi discriviri la scena

ci vurrissi un rumanzeri:

sta chitarra un sapi chiànciri,

mmalidittu stu misteri!

Doppu un quartu di ddu nfernu:

(vita morti e passioni)

li briganti si nni jeru

senza chiú munizioni.

Supra i preti e supra u sangu

ammazzati a tradimentu

arristaru vinti poviri

e firuti chiú di centu.

Supra i petri e nmenzu u sangu

figghi e matri addinucchiati

cu li lacrimi li facci

ci lavavanu a vasati.

Epifania Barbato

a lu figghiu mortu nterra

ci dicia: “A li poviri,

paru cca ci fannu guerra!”.

Margherita, la Clisceri,

ch’era dda cu cincu figghi

arristò ammazzata nterra,

e nno ventri u sestu figghiu.

Cu ddu jornu fu a Purtedda,

cu ci va doppu tant’anni,

vidi i morti caminari

caminari senza gammi.

Vivi ancora, ancora vivi;

e na vuci ncelu e nterra,

e na vuci ncelu e nterra:

oh giustizia, quannu arrivi?!